Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2019

Sensibilità e grande cuore, punti di forza del sindaco di Marano Rodolfo Visconti

Foto scattate durante la manifestazione di Carnevale previo consenso della madre del ragazzo

Carnevale a Marano, “il ballo dell’assessore”

Belle e simpatiche le “tre girls di Visconti”



Carnevale a Marano: grande momento di festa, di aggregazione e di cultura

Il sindaco Visconti: “l’anno prossimo faremo ancora meglio”

Intervistate Bianca Perna, Floriana Trematerra e Marinella De Nigris, rispettivamente assessore alla Cultura, alle Politiche Sociali, all’Ambiente  


Giovedì 7 marzo, doppio evento nell’aula consiliare: presentazione del libro della scrittrice Lella Di Marino, “Un amore diverso”, e premiazione dei vincitori e personaggi dell’anno delle cinque edizioni “Premio Culturale Città di Calvizzano”

Giovedì 7 marzo, ore 17-20, due eventi da non perdere che si svolgeranno contestualmente nell’aula consiliare di Calvizzano. Momento clou della serata è quello dedicato alla presentazione del libro “Un amore diverso” della scrittrice di origini calvizzanesi Lella Di Marino, edito da Mondadori, uscito da qualche settimana ed è già super venduto nelle migliori librerie nazionali. L' evento, organizzato dalla neonata Pro Loco Calvizzano, presieduta dall’architetto, Maria Luisa Sabatino, è moderato dal poeta Ciro Lattero. Interverrà il grande stilista Gianni Molaro, personaggio chiave del romanzo della Di Marino. Il dibattito sarà incentrato sul tema della diversità, un dato ineluttabile della vita, inteso come valore e ricchezza. Durante la serata, l’attore e regista teatrale Antonio Furiano presenterà e premierà i vincitori e i personaggi dell’anno delle cinque edizioni del “Premio Culturale Città di Calvizzano”, ideato dal Blog Calvizzanoweb, e il vincitore della prima edizione del…

Calvizzano, il forte vento dei giorni scorsi ha rimosso la guaina bituminosa vano scala della media Polo: la nuova impermeabilizzazione era stata effettuata a ottobre scorso

                                       I lavori sono costati 4mila443 euro

Il ripristino della copertura del vano scala della media Polo è stato effettuato ad ottobre scorso: l’intervento si era reso necessario perché la forte pioggia abbattutasi in città fece sollevare un grosso pezzo d’asfalto, che, per fortuna, cadde sul balcone dell’edificio di via Aldo Moro. Il forte vento di questi giorni ha rimosso di nuovo buona parte della guaina sistemata ex novo. I lavori di ripristino furono affidati alla ditta calvizzanese De Vito Domenico per una somma di 4mila443,27 euro comprensivi di iva al 22%, mentre alla rimozione e allo smaltimento della guaina bituminosa provvide la Perna Ecologia di Marigliano per un importo di 1098 euro comprensivi di iva. Totale 5mila541 euro. Ma chi controlla se i lavori vengono fatti a regola d’arte, visto che nei laboratori e in qualche aula della scuola permangono le infiltrazioni d’acqua?


Chi si preoccupa dell’unica scuola statale di Calvizzano?

Premessa. Conosco la preside Armida Scarpa dal lontano 2007, cioè dall’anno in cui si  è insediata a Calvizzano per dirigere l’Istituto Polo. Sono stati 12 anni di confronti ma anche di scontri, senza, però, mai perdere la bussola del mutuo rispetto, perché il nostro unico obiettivo è sempre stato quello di far funzionare bene la scuola. Obiettivo che spesso non collimava con gli interessi della classe politico-dirigenziale. Da qui i ripetuti attacchi che abbiamo entrambi subito nel corso di questi anni. La preside Scarpa ha, però, due “difetti” che per altri potrebbero essere pregi: non ha mai utilizzato la stampa per scagliarsi contro la classe amministrativa, anche quando non venivano soddisfatte le sue legittime richieste; continua a inviare una quantità impressionanti di pec (posta elettronica certificata) al Comune per chiedere interventi di manutenzione. A chi tanto e a chi niente. A noi, infatti, mai una semplice mail o una telefonata per avvisarci che si è rotta la finestra, …

Rischio soppressione Caserma dei Carabinieri a Calvizzano, la parola all’ex presidente del Consiglio comunale Antonio Mauriello: “mi auguro che ciò non avvenga, in quanto l’eliminazione di un presidio di legalità in un Comune sciolto per infiltrazioni malavitose sarebbe un paradosso incomprensibile”

Marano, tassa rifiuti: anche quest’anno gli onesti pagheranno per i furbi?

In via di definizione il Piano finanziario Tari dal quale scaturirà il valore della tassa sull’immondizia, poiché i costi del ciclo integrato rifiuti vanno spalmati al cento per cento sull’utenza. L’anno scorso una parte dei debiti degli evasori vennero saldati dai contribuenti onesti. I Commissari straordinari, infatti, applicarono una norma contenuta nel decreto Enti locali di alcuni anni fa, che in sostanza stabilisce che una percentuale dei crediti insoluti (somma stimata sulla base dell’esperienza maturata negli anni passati) devono essere compresi tra i costi del piano economico-finanziario dell’anno a cui si riferiscono. Stando ai calcoli elaborati dal settore tributi, in base alla serie storica delle riscossioni della tassa  sui rifiuti (dal 2006 al 2017), emerse che i crediti stimabili come inesigibili ammontavano al 19% del carico annuo. Tale percentuale, applicata al carico 2017, determinò l’inserimento tra la componente di costo CARC l’importo di 1.730mila951,87 euro. Somm…

Marano, pozzo senza fine di reperti archeologici: marmi di un tempio romano vennero ritrovati a San Marco

Nella frazione maranese di San Marco, da un pozzo nascosto tra rovi ed ortiche, la caparbietà della dottoressa Gargiulo della Soprintendenza ai Beni Archeologici di Napoli, permise, agli inizi degli anni ’90 di ritrovare grossi frammenti in marmo di un probabile tempio romano. I reperti risalgono al II secolo dopo Cristo e sono di ottima fattura. Per vedere qualcosa di simile bisogna recarsi alle terme di Baia. La scoperta fu possibile grazie agli indizi che, oltre sessant’anni fa, l’ispettore onorario di Villaricca, Giacomo Chianese inviò al Maiuri (grande archeologo, deceduto nel 1963: è stato direttore del Museo Archeologico di Napoli), suggerendogli altresì di organizzare a Marano una ricerca accurata delle antiche preesistenze romane lungo l’asse Monteleone-San Rocco-San Marco. In verità il Chianese non si limitò solo a segnalare i pezzi ritrovati, ma consigliò di portarli al più presto in un luogo sicuro per evitare brutte sorprese. A cosa si riferisse è facile immaginarlo. Con t…

Marano, il brindisi da morto del “pittore tedesco” Willi Lehmann: il 10 aprile ricorre il decimo anniversario della sua morte

E’ un articolo che consigliamo di leggere fino all’ultima parola
Willi Lehman, l’artista che tutti a Marano chiamavano “o pittore tedesco”, era un uomo fuori dalla norma. Basti pensare che per suo esplicito volere, prima delle esequie, il feretro si fermò dinanzi al bar Santopaolo in via Falcone, dove Willi era un abituale frequentatore, per festeggiare con un brindisi la sua partenza da questo mondo. Si spense il 10 aprile 1999, all’età di 82 anni. Willi Lehman, pittore, decoratore e restauratore, da tempo aveva trovato in Napoli e nel suo circondario una seconda patria. Ai suoi funerali che si svolsero a Napoli  erano presenti parenti e amici venuti dalla Germania, nonché il console tedesco dell’epoca. L’artista riposa nella cappella tedesca del cimitero di Napoli, accanto alla tomba del fratello gemello Emil. Willi Lehman era nato a a Karlsruhe in Germania, dove aveva conseguito il diploma di pittore-decoratore. Prima novizio in un ordine monastico, si era poi arruolato nell’esercito,…

L’informazione locale e la sindrome di Caligola di qualche “pseudo” informatore?

“L’avevamo detto”, “l’avevamo anticipato”, “grazie a noi l’amministrazione…” “come sempre abbiamo anticipato la notizia (e gli altri? Tutte schiappe?), “siamo più preparati degli altri e anche degli amministratori”, “noi siamo la bibbia del giornalismo”… Delirio di onnipotenza o caso clinico?

Mugnano, domani al teatro comunale l'iniziativa "Legalità a 360°" con gli alunni della scuola Illuminato-Cirino

Il sindaco Sarnataro: " Oggi più di ieri bisogna spiegare e far conoscere ai nostri giovani i valori della giustizia e della legalità, solo così si può combattere la camorra"
Teatro comunale, domani, 28 febbraio, l'iniziativa sulla legalità. L'evento, patrocinato dal Comune, vedrà gli alunni della scuola Illuminato-Cirino incontrare don Luigi Merola per discutere di Legalità a 360°. L’appuntamento è alle ore 10 nella struttura polifunzionale di via Cesare Pavese I Traversa. “Gli alunni devono essere educati ad una partecipazione attiva e democratica all’interno della comunità in cui sono inseriti – spiega il dirigente scolastico Vincenzo Somma – Il tema della legalità è di fondamentale importanza per la crescita culturale, formativa, sociale dei nostri ragazzi, una crescita che deve partire dai banchi di scuola". All’evento saranno presenti rappresentanti delle autorità religiose locali e dell’amministrazione comunale. “La lotta alla camorra è un impegno quotidia…

Il Comune di Calvizzano non partecipa al bando per il servizio civile 2019, l’ex consigliere comunale Pasquale Napolano: “persa la possibilità di dare una boccata d’ossigeno ai giovani del territorio”

Fuori dal Servizio civile. Nel 2020 il Comune non disporrà più dei volontari, non avendo presentato al Dipartimento della Gioventù, entro il termine ultimo dell’11 gennaio (prorogato al 18 gennaio) 2019, alcun progetto. Gli ultimi a prestare servizio per un anno presso il Comune sono i 28 selezionati recentemente dalla Mamrè, la ditta alla quale l’ex amministrazione si affidava da anni sia per la redazione dei progetti che per le prove selettive, sborsando circa 10mila euro.
Si è persa la possibilità di dare una boccata d’ossigeno a tanti giovani del territorio – afferma l’ex consigliere comunale Pasquale Napolano – Speriamo adesso di non perdere l’accredito - aggiunge - cosa che avverrebbe se nonvenisse fatto, entro il 4 maggio 2019, l’adeguamento dell’iscrizione all’Albo del servizio civile universale. Essere tagliati fuori completamente dal circuito del volontariato civile, significherebbe vanificare anni di lavoro”.




Marano, vicenda mercato ortofrutticolo: a un passo dalla soluzione

A buon punto l’intesa tra operatori del mercato ortofrutticolo e il Comune. Della questione se n’è discusso ieri nella quinta Commissione consiliare, presieduta da Vincenza Carandente. E’ stata stilata una prima bozza di un possibile accordo che sostanzialmente prevede il passaggio da una gestione pubblica a privata. All’incontro c’era anche il presidente dei concessionari del Mercato, Gaetano Schiano, che abbiamo intervistato.

Ricordiamo che la quinta Commissione si occupa di: Trasporti, Viabilità, Commercio, Periferie, Fiere e Mercati, Polizia Municipale. Gli altri componenti, oltre a Vincenza Carandente (presidente), sono  Salvatore Vallozzi, Domenico Paragliola (presidente del Consiglio comunale), Nicola Moio, Mauro Bertini.

Marano, una targa commemorativa per il vigile del fuoco eroe Michele Passero da esporre anche a Palazzo Battagliese

Il merito di aver dedicato il Palazzetto dello Sport al vigile del fuoco eroe Michele Passero va sicuramente ascritto all’ex dipendente comunale Salvatore Ruggiero e a sua moglie Teresa Giaccio, consigliere comunale di minoranza. Ruggiero si è battuto per anni per fargli dedicare una strada: nel 2013 riuscì nel suo intento, seppur diverso da quello che si era prefissato, infatti l’ex amministrazione Liccardo (Giaccio all’epoca era vicesindaco e si prodigò tanto per la realizzazione dell’evento), con delibera di giunta 19 del 24 settembre 2013, intitolò il Palamarano a Michele Passero, medaglia d’oro al Valor Civile. Noi di Calvizzanoweb abbiamo sollevato il problema, poiché, a distanza di anni, sia all’esterno che all’interno della struttura di via Musella, non è stata mai apposta una targa che ricordasse il sacrificio del giovane vigile del fuoco di Marano, il quale, nel 1977, poco più che ventenne, perse la vita in uno stabilimento di Gpl a Cassino, mentre, con un gesto eroico, tent…

Lotta ai crimini ambientali, monitorati i Comuni di Marano, Calvizzano, Qualiano e Villaricca

Pattuglioni di Polizie Locali ed Esercito Italiano, continuano le verifiche. Bonificati alcuni siti. Funzionano a pieno le fasi attuative dell’”Accordo” sottoscritto presso la Prefettura di Napoli e voluto dall’Incaricato del Governo per il contrasto dei crimini ambientali, Vice Prefetto dr. Gerlando Iorio, relativo al monitoraggio dei fenomeni di abbandono incontrollato rifiuti e dei roghi. I comuni presi di mira sono Marano, Qualiano, Villaricca e Calvizzano, quest’ultimo dove è ubicata la cosiddetta cabina di regia locale. Al coordinamento operativo ha provveduto il Maggiore Biagio Chiariello, Sovraordinato alla Commissione straordinaria presso quel comune, presieduta dal Vice Prefetto dr. Luca Rotondi, e specialista nel contrasto ai crimini ambientali a seguito di titolo accademico conferito anni fa. Una vasta operazione intercomunale che ha visto coinvolte diverse pattuglie delle Polizie Locali dei Comuni interessati e dell’Unità dell’Esercito Italiano, che in due giorni hanno fa…

Dal libro di poesie del prete calvizzanese Michele Ciccarelli: “L’ora D’’A Chiusura”, dedicata alla buonanima di “Totonno’o sagrestano”

“Era sempre tragico lasciare la partita mentre Totonno ‘o sagrestano si accingeva a chiudere”
Totonno a ll’intrasatta ce dicette: “iammo bello! Pusate ‘stu pallone ch’aggia chiudere ‘o canciello”. “Totò, vuie che dicite? Ma…proprio a ‘stu mumento? ce manca n’ato gol, nun facite ‘o malamente!” “Gnornò, pigliate ‘a via, è già tarde: songo ‘e ll’otte. Cercate ‘e mezze ‘e ve ne i’ Ca si no facimme notte”. “Totò ma…dint’’a chiesa, pe ccaso si gurdate… vuò vedè ca ddoje cannele stanno ancora llà appicciate? E po’ essere ca ‘o purtone è rimasto a meza resta, e…lla’ ‘ncoppa a niente a niente ce sta aperta ‘na fenesta!” “E va bbuò…aggio capito: mo’ controllo ‘n’ata vota”. “’On Antò, site ‘n’amico. “E vvuie ‘na banda ‘e galiote!”.

Antonio Sansone (detto Totonno) era una persona affabile e sempre sorridente: è stato sagrestano nella parrocchia San Giacomo fino al 1979 ai tempi di don Peppino Cerullo. Morì nel 2002 a 69 anni: era nato il 22 settembre 1932.

La Fescina di Quarto è itinerario dell’Unesco, mentre nel Ciaurro di Marano, il più importante mausoleo della Campania, continua a regnare il degrado

Il Mausoleo di Quarto, conosciuto anche come la“Fescina”, fa parte degli itinerari UNESCO, segnalati dalla Città Metropolitana di Napoli per la promozione e la valorizzazione del territorio. E’ un monumento funebre di epoca romana, ritrovato in una vasta necropoli scoperta solo negli anni ’70 e ’80, che per un lungo periodo di tempo veniva usata come deposito di attrezzi agricoli. Ma un monumento funebre di epoca romana è anche il Ciaurro, definito dallo storico Roberto Pane il più importante Mausoleo campano, quindi avrebbe tutte le prerogative per far parte degli itinerari Unesco, invece non lo è, perché gli amministratori che si sono succeduti negli ultimi trent’anni hanno fatto poco o quasi niente per valorizzarlo.
La Fescina  La Fascina ha la forma di cuspide piramidale, delimitata da una recinzione molto bassa in opus reticulatum, circondata da resti di incinerazioni, urne, anfore e tombe. Inoltre molti degli spazi recintati erano destinati  alla cremazione dei defunti. E’ situato …

IL NOME DELLA ROSA E LE PAURE DEL CREDENTE

Guglielmo: “Ma cosa c’è di tanto terribile nel riso?
Jorge Burgos: “Il riso uccide la paura e senza la paura non ci può essere la fede”.
Il 4 marzo prossimo la RAI manderà in onda una serie televisiva in otto puntate tratta da: “Il nome della rosa” del compianto Umberto Eco. Finalmente, dopo le varie “figure magre e stantie” delle mille fictions noiose e scontate, forse (speriamo nel cast che è di tutto rispetto) avremo un bel dono di primavera! Il “giallo-storico” ambientato in epoca medievale in un convento benedettino di una non meglio precisata località nel settentrione italiano. Il protagonista assoluto è Guglielmo da Baskerville, il francescano inglese ex inquisitore che, per l’occasione, si trasforma in astuto investigatore di crimini che avvengono al monastero. Aiutato dal novizio Adso, (secondo la tecnica della “narrazione esterna” adottata da Eco, il manoscritto, dove si dipana la storia sarebbe stato redatto proprio dal novizio), il frate comincia una lunga ricerca della ver…

Calvizzano, sempre più critica la situazione economica del Comune: un disastro finanziario costruito negli anni

E’ vero che lo Stato ha stretto i cordoni della borsa, riducendo di anno in anno i soldi (soldi, soldi…) trasferiti ai Comuni, ma va registrato anche lo sperpero di risorse finanziarie e la bassa capacità di riscossione, visto che il tasso di evasione resta ancora alto  



Prima di parlare della situazione economico-finanziaria non tanto felice del  Comune di Calvizzano, vanno fatte due premesse. La prima. Gli Enti locali, da quando i vari governi centrali che si sono succeduti da una decina di anni a questa parte hanno stretto i cordoni della borsa, riducendo di anno in anno i cosiddetti trasferimenti statali, chi più (Marano e Villaricca) e chi meno (Mugnano e forse Qualiano) stanno andando quasi tutti in difficoltà sia per mancanza di liquidità che per i troppi debiti contratti e non onorati. E non abbiamo tenuto conto  dei soldi da sborsare a terzi per sentenze passate in giudicato, tra cui abbondano quelle relative a incidenti per le cosiddette “insidie stradali”, cioè quelli causat…

Calvizzano, verso la presentazione di “Un amore diverso”: il libro della Di Marino fornisce lo spunto per parlare di omosessualità e omofobia

“A somme fatte il nemico da combattere non è l’omofobia ma la sottocultura, avversario molto più subdolo”
Manca poco ormai al ritorno a Calvizzano della sempre più illustre nostra concittadina Lella Di Marino, questa volta per presentare il suo ultimo libro edito da Mondadori : “Un amore diverso”, romanzo che tratta un argomento delicato, uno di quei gradini bassi eppur sempre difficili da scalare quando si parla di omosessualità.
Nell’attesa, cerchiamo di scaldare l’ambiente ed i muscoli cerebrali, sperando che all’evento della presentazione si riesca ad instaurare un dibattito culturale vivace e produttivo. Lo facciamo con un paio di articoli, tra cui questo primo traendo spunto da fatti cronaca, in un secondo cercando di analizzare l’entroterra storico, politico, sociale e perché no religioso che gira intorno alla realtà omosessuale.

Vittoria (RG) 15 dicembre 2018
Francesco Tommasi, 20 anni, viene aggredito con calci, pugni, sputi e schiaffi da una banda di sei minorenni. Francesco T…

L'appassionante biografia dell'artista calvizzanese Ferrillo è uno spaccato di storia della città

Paolo Ferrillo è stato uno dei pochi amici sinceri del blues man “nero a metà” Otello Di Maro al quale ha dedicato due canzoni.  Pubblichiamo  la sua biografia così come ce l’ha inviata, perché  riteniamo che sia un "viaggio" appassionante
Tengo a precisare che ho sempre scritto per diletto, non ho mai pensato di proporre a qualcuno i miei testi musicati.So di non avere una bella voce ma per conservarli, dovevo cantarli e registrarli. Le registrazioni sono “casalinghe” e quindi “”arrangiate” (nel senso napoletano della parola). Sono nato a Calvizzano, in via Roma 39 (“ncopp a chiazz” a pochi metri in linea d’aria dalla casa paterna della scrittrice Lella Di Marino) nel 1959; lì ho trascorso la mia infanzia, giocando nei cortili delle famiglie Filogamo. Michele, recentemente scomparso, era un vulcano di idee; al mattino, per i nostri soldatini, costruivamo scenografie che puntualmente demolivamo la sera. Nel mio archivio dei ricordi, quei luoghi di gioco sono molto presenti; i…