Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2016

Calvizzano non è più videosorvegliata

In settimana sono state smontate le due telecamere in piazza: forse perché il nostro Comune è indebitato con Giugliano per oltre 100mila euro?

Non conosciamo il motivo per cui sono state smontate le due telecamere del sistema Alpha che controllavano la piazza e parte del Corso Mirabelli. La cosa certa è che il Comune di Calvizzano, come ci ha confermato il tenente colonnello dei vigili urbani di Giugliano, Carmine Petraio, avrebbe maturato un debito di circa 90 mila euro (al 31-12-2014) più la quota 2015, con Giugliano ente capofila  del progetto Alpha (o Alfa), il sistema di videosorveglianza che riguarda le 7 città del comprensorio giuglianese con l’aggiunta di Sant’Antimo. Nei prossimi giorni sapremo essere più specifici. Insomma, mentre in altri Comuni dell’hinterland stanno potenziando i sistemi di sicurezza con l’aggiunta di ulteriori telecamere a quelle già esistenti, a Calvizzano addirittura vengono tolte.

Notizie dai Comuni dell’hinterland. La verità di Bertini sulla convocazione dei magistrati: un altro spezzone dell’intervista rilasciata dall’ex sindaco di Marano a Teleclubitalia, tagliata per motivi di spazio

L’intervista dell’ex sindaco di Marano, Mauro Bertini, rilasciata a Teleclubitalia, dopo essere stato ascoltato come persona informata dei fatti dai magistrati della Procura di Napoli, è stata tagliata per motivi di spazio. Vi proponiamo l’altro spezzone. Signor Bertini, è vero che il PM, come riportato da qualche sito, l’avrebbe fatto delle specifiche domande anche sulle dimissioni contestuali dei consiglieri di opposizione, per mandare a casa il sindaco Liccardo? “Se lei si riferisce alle diffuse supposizioni sui presunti rapporti tra l’imprenditore Cesarano e il consigliere di maggioranza Biagio Baiano, preferirei non rispondere, perché ritengo sia una faccenda seria”. La mia domanda riguarda la questione in generale… “Visto la sua insistenza sull’argomento, le posso dire che non escludo di intervenire nel prossimo Consiglio comunale del 3 febbraio, dove si discuterà della mozione di sfiducia al sindaco”.    
Marano. Al Comune le casse piangono, prolungato solo di quattro mesi il contra…

Giuseppe Pezone: la Commissione toponomastica non dimentichi di dedicare una strada a Lucrezia Reggio Branciforte, duchessa di Calvizzano e nonna materna dell’ammiraglio Caracciolo

Dallo studioso e ricercatore di avvenimenti locali, riceviamo e pubblichiamo la “Storia di Lucrezia Reggio Branciforte, nobildonna da grandi sentimenti e vicina al popolo” 

Lucrezia Reggio Branciforte nacque nel 1684, probabilmente ad Acitrezza, figlia del Principe  Stefano Riggio e di  Dorotea  Branciforte. I Reggio e i Branciforte erano all‘epoca  tra le famiglie  più importanti del regno, soprattutto politicamente. I Riggio, denominati anche principi di Aci, dal loro feudo che comprendeva tra l’altro Acitrezza ed Acicastello (due Comuni della provincia di Catania), godevano di grande  considerazione da parte dei Borboni per cui alcuni  componenti della famiglia ricoprirono incarichi politici e militari di assoluto prestigio. Il padre di Lucrezia ebbe in Sicilia incarichi delicatissimi di grande rilevanza pubblica e fece parte del  cosiddetto Consiglio di reggenza nominato da Carlo III per affiancare il figlio Ferdinando IV ancora fanciullo, da lui designato  re di  Napoli. Un altro …

Furto alla media Polo, rubati due computer e un televisore

Il furto è avvenuto stanotte: alcuni ignoti si sono introdotti all’interno del cortile, scavalcando un muretto esterno, poi è stato gioco facile entrare dentro la scuola. Hanno scavalcato un altro muretto lato tensostruttura, e sono entrati da una delle finestre esterne. Sono riusciti a rubare solo due computer, ubicati nella sala professori e un televisore comprato da poco. Se questa volta le telecamere esterne hanno funzionato, dovrebbero essere immediatamente individuati i balordi che hanno compiuto l’insano gesto. 

Angela De Vito: “il sindaco cacciò l’asl per salvaguardare la salute dei cittadini, però non si preoccupa affatto del sito di stoccaggio dell’Ecologica sud

Sulla questione ampliamento delle attività di gestione di un impianto di stoccaggio e trattamento rifiuti pericolosi a rischio infettivo da realizzarsi a Calvizzano in viale della Resistenza, interviene il consigliere di minoranza Angela De Vito, per esternare la sua opinione, ma soprattutto per evidenziare le contraddizioni del Primo cittadino Giuseppe Salatiello. “Il sindaco – sbotta De Vito – quando ci fu la querelle con i vertici dell’Asl, alzò la voce in Consiglio comunale, dicendo che lui aveva rifiutato l’autorizzazione all’uso dei locali ex presidio sanitario, unicamente per salvaguardare la salute dei cittadini, in quanto volevano insediare un centro di epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive . Visto che Salatiello tiene tanto al benessere dei cittadini, perché non si è espresso ancora sull’impianto di stoccaggio dei rifiuti pericolosi a rischio infettivo di viale della Resistenza? Cosa fa: predica bene e razzola male? Perché il nostro Primo cittadino non si preoc…

Dal 2004 il Comune non pagava le bollette dell’energia elettrica: maturato un debito con l’Enel superiore al milione di euro

Nonostante tutto, continuano gli sprechi di energia:  in alcune parti della città, capita spesso che l’illuminazione pubblica resti accesa anche di giorno
La prima fattura insoluta sarebbe datata 2004. In quel periodo la città era governata dall’amministrazione Pirozzi. Ma l’andazzo si è protratto fino a qualche anno fa. Praticamente, le fatture  relative ai consumi elettrici di tutti gli immobili comunali (compreso le scuole) e della pubblica illuminazione venivano pagate una tantum, per questo motivo sarebbe maturato un debito nei confronti dell’Enel superiore al milione di euro.  Si tratta di bollette maggiorate nei costi poiché, quando si protrae  lo stato di insolvenza, come ci ha spiegato Giuseppe Santopaolo, assessore con delega anche all’Energia e contratti,si paga una maggiorazione del 40 per cento solo sulla componente energia (i chilowattori consumati). Al Comune si sarebbero decisi a prendere in considerazione la questione, solo quando il tribunale di Napoli ha ingiunto il …

Notizie dagli altri Comuni dell’hinterland

Marano. Emergenza rifiuti: una quarantina di persone al sit in di protesta
Marco Tagliaferri, anche lui presente in piazza della Pace, è stato l'unico consigliere comunale di opposizione vicino ai manifestanti   

Attivisti e cittadini, in tutto una quarantina di persone, hanno inscenato una manifestazione di protesta contro il caos rifiuti. Si sono incontrati stamattina intorno alle 11.00 in piazza della Pace, dopodichési sono recati al Comune per spiegare le ragioni del sit in al sindaco e all’assessore all’Ambiente. “L’amministrazione Liccardo – afferma Stefania Fanelli, leader di Sinistra Ecologia e Libertà, il movimento politico che, insieme a Rete Commons e Laboratorio Kamo, ha organizzato la protesta -  ha pensato bene di non informare nessuno di questo caos, lasciandoci vivere in compagnia di cumuli di rifiuti sotto i balconi. La pazienza, però, è arrivata al limite, poiché siamo stanchi di pagare solo le tasse”. “Non bastavano le varie discariche a cielo aperto nelle periferi…

Donne coraggiose. Angela De Vito, sola contro tutti

Al Consiglio comunale di ieri mattina, nei banchi della minoranza c’era solo Angela De Vito. E questa non è più una novità, visto che l’ex sindaco Giacomo Pirozzi, ormai non si vede e non si sente più; Michele D’Ambra, il consigliere maschio più votato alle ultime amministrative, quelle rare volte che appare in aula non apre mai bocca; Biagio Sequino, dopo le presunte intimidazioni e i presunti ricatti ai suoi parenti, come ha dichiarato recentemente al nostro blog, ha deciso di non candidarsi più a Calvizzano, per cui si starebbe dedicando esclusivamente al suo ruolo di responsabile area nord di Napoli del Movimento politico “Noi con Salvini” e a rilasciare dichiarazioni contro i profughi e contro i rom. Insomma, i tre stanno letteralmente deludendo le aspettative dei circa 4mila cittadini che li hanno votati. Sarebbe, dunque, veramente un’indecenza se alle prossime amministrative decidessero di scendere ancora una volta nell’agone elettorale, a meno che in questi due anni e mezzo ch…

Una grande performance dell'attore calvizzanese Antonio Botta

Strade gruviera e aumentano le cause per danni da insidie e trabocchetti

Questa volta la nostra attenzione è concentrata su una stradina di appena 70 metri, dove, però, passano diverse centinaia di macchine al giorno. E’ una via di confine, percorribile a senso unico verso via Adda. Si trova di fronte al ristorante “Salvatore” (la zona del vicesindaco Roberto Vellecco per intenderci): la metà che costeggia villa Serena insiste su territorio maranese, l’altra metà su quello calvizzanese. A chi tocca, dunque, riempire le grosse e perenni buche? Visto che il tratto è breve, considerato che le abitazioni stanno solo sul lato di Calvizzano (via Tommaso Campanella), egregi amministratori calvizzanesi, fatela riparare voi la strada, poiché Marano, a nostro avviso, le mini voragini non le rappezzerà mai.

Via Alveo Camaldoli, videocamere e pista ciclabile: le promesse non mantenute di Calvizzano e Villaricca

Calvizzano
Telecamere. L’amministrazione Salatiello, a gennaio 2015,  formulò le direttive politico-amministrative ai 7 responsabili di settore, indicando come priorità l’istituzione della videosorveglianza sul tratto di via Alveo Camaldoli, ricadente nel territorio calvizzanese. Telecamere che, purtroppo, non sono state previste nel Progetto sicurezza (del quale fanno parte i Comuni che gravitano nella cosiddetta “Terra dei Fuochi”)  poiché due anni fa, quando la Regione ha programmato i fondi e istituito il bando, via Alveo Camaldoli era ancora chiusa al traffico. Per questo motivo, Calvizzano, stando agli indirizzi amministrativi, doveva reperire le risorse nelle pieghe del bilancio 2015 per l’istallazione delle videocamere. Esiste questa somma? Di sicuro delle telecamere non v’è alcuna traccia.
Pista ciclabile. “La pista ciclabile si farà, parola di Salatiello”, è quanto dichiarò l’attuale sindaco il 4 dicembre 2014 al nostro blog. Forse voleva accontentare le diverse centinaia di…

Adesso l’opposizione passi ai fatti: presenti una mozione per rendere trasparente l’”archivio atti” dell’albo pretorio online

Il Consiglio comunale di domani mattina sulla corruzione e sulla trasparenza, potrebbe essere l’occasione buona per l’opposizione di presentare una mozione nella quale venga chiesto all’amministrazione comunale di adottare tutti i provvedimenti del caso, per rendere trasparente l’”archivio atti” dell’albo pretorio online. Così si vedrà chi vuole veramente che a Calvizzano la trasparenza non sia più un optional e chi, invece, vuole che ancora una volta prevalga il politichese. Fu, infatti, proprio il consigliere comunale di minoranza, Biagio Sequino, che, a novembre 2014,  mise nero su bianco i suoi timori di non veder tutelati adeguatamente i diritti dei cittadini e scrisse al Prefetto, perché gli Uffici avrebbero più volte violato la normativa sulla trasparenza e anticorruzione. I motivi li chiarì nella missiva, dove scrisse: “non esiste all’interno del sito istituzionale un archivio contenente per 5 anni tutti i documenti oggetto di pubblicazione obbligatoria, né tantomeno si proced…

Dedicata a Carlo III di Borbone la strada che costeggia l’alveo Camaldoli

La proposta del presidente della Commissione toponomastica, Lorenzo Grasso, consigliere comunale di maggioranza e presidente dell’associazione neo borbonica “Sud Libero per la Nazione Due Sicilie, è stata accolta all’unanimità  dagli altri componenti della delegazione



La Commissione toponomastica ha concluso il primo step di lavori, dedicando cinque nuove strade a personaggi che rappresentano la memoria storica del paese, ai quali le vecchie commissioni non avevano dato tanto peso. L’attuale strada Peep (dove si svolgeva il mercato settimanale) sarà via Alfredo Revenaz (ultimo podestà di Calvizzano), il prolungamento di via Aldo Moro (lato Marano), diventerà via Gennaro Di Donato (è stato Prefetto a Livorno), la strada che affianca la parrocchia di Santa Rita e il Distretto sanitario di Villaricca sarà via Umberto Castaldi (inventore del biscotto calvizzanese), un’altra strada nei pressi di viale della Resistenza sarà via Vincenzo Irolli (famoso pittore dell’800: visse per diversi ann…

Dove sta “Zazà”….Jammela a truvà

Cosa c’entra con Calvizzano la vecchia canzone del 1944 di Cutolo-Cioffi, portata al successo da Nino Taranto e Gabriella Ferri? Poco, ma la parafrasi vuole essere solo un modo divertente per attirare l’attenzione dei lettori su un argomento tecnico-amministrativo che a primo acchito sembrerebbe un po’ noioso, però è sintomatico di una scelta di condotta errata di gestire la cosa pubblica.   Dove sta Zazà, per dire chi l’ha visto l’atto pubblico 45 del 2015 (menzionato nella determina 164 dell’11-11-2015 di affidamento della messa in esercizio degli impianti termici e di condizionamento pubblici alla ditta Baiano per 3mila euro più iva), inerente l’elenco aggiornato delle ditte e dei fornitori di fiducia dell’amministrazione a cui  poter affidare direttamente lavori e commesse per un valore al di sotto dei 40mila euro o da invitare alle gare negoziate. Documento che acquista efficacia solo quando viene pubblicato all’albo pretorio online, cosa che ancora non è stata fatta. E nessuno p…

Tanta gente all’Open Day dell’elementare Diaz

Si è svolto stamattina all’elementare Diaz l’Open day, aperto a tutti i bambini che l’anno prossimo frequenteranno la scuola primaria. I papabili futuri alunni hanno potuto visitare la struttura scolastica, accompagnati dai genitori  (in qualche caso anche dai loro nonni), rendendosi conto di tutte le attività svolte dalla scuola durante l’anno scolastico 2015-2016. Attività illustrate dalla dirigente scolastica, Armida Scarpa. Insomma, un modo per conoscere l’ambiente dove i bimbi trascorreranno gran parte della loro giornata. La settimana scorsa si è svolto l’Open Day anche alla media Polo. Un plauso a maestri e professori che non fanno mai mancare il loro apporto.    




Antonio Galdieri, ultimo custode del “segreto” dei biscotti di Calvizzano

Antonio Galdieri, 70 anni, calvizzanese trapiantato a Giugliano, “mastro biscottaio”, è considerato l’ultimo custode della ricetta dei famosi biscotti di Calvizzano. Biscotti che hanno una storia secolare. Erano famosi in tutt’Italia, perché appetitosi e fragranti. Bagnati, poi, nel latte diventano superlativi da gustare. Galdieri è stato per un decennio (dall’età di 9 anni fino ai 19 anni) allievo dei Gagliardi la cui famiglia è stata l’ultima a produrre i biscotti di Calvizzano, seguendo il rigido protocollo di una ricetta francese, importata a Calvizzano verso la fine dell’ottocento dal Capitano del lavoro Umberto Castaldi. Galdiero ha ripreso la produzione dei biscotti ad inizio novembre 2014 in un laboratorio sito nella vicina Mugnano di Napoli alla Via B. Buozzi, al confine con Calvizzano. Adesso punta a farlo conoscere oltre i confini regionali: ha già ricevuto commesse da alcuni centri commerciali del Centro e del Nord Italia.


Sospensione mercato settimanale, ambulanti intenzionati ad avanzare richiesta di risarcimento danni nei confronti del Comune

Dal presidente regionale della SIVA, Felice Califano, riceviamo e pubblichiamo

Sono Felice Califano Presidente Regionale della SIVA (Sindacato Italiano Venditori Ambulanti) che per il passato sono intervenuto più volte sulle procedure sbagliate per l'istituzione del mercato, ma credo sia mio dovere ricordare al Consigliere delegato Lorenzo Grasso che con la modifica del titolo V° della costituzione la Regione Campania ha adottato un legge la n. 1 del 9 Gennaio 2014 in virtù delle competenze conferite alle Regioni in materia di commercio, ai sensi delle podestà legislative previste dall'art.117 della Costituzione, come modificato dalla legge Costituzionale n. 3 del 2001 il cui art. 45 elenca i casi in cui è possibile lo svolgimento di un mercato domenicale e nell'elenco non è previsto lo svolgimento di un mercato ordinario, cioè quello che si svolge periodicamente per la vendita al dettaglio di tutti i prodotti del settore alimentare e non alimentare se non già operanti nel…