Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2016

Calvizzanoweb: 7 anni e mezzo di informazione partigiana, ma solo ed esclusivamente dalla parte dei cittadini

Abbiamo commesso tanti errori pure noi, ma solo chi non opera non sbaglia. Consentiteci, però, di arrogarci un merito: quello di aver pubblicato oltre 2mila200 articoli (quasi tutte notizie di carattere politico-amministrativo e sociale): tanti se si pensa di aver operato in un contesto piccolo qual è Calvizzano, con un apparato politico-amministrativo ostile e completamente chiuso nei nostri confronti. Nonostante tutto, attraverso le nostre inchieste, abbiamo contribuito a far luce su tantissime zone d’ombra. Insomma, le nostre denunce hanno avuto il loro peso. Attraverso i nostri articoli abbiamo fornito spunti ad Angela De Vito e Biagio Sequino della minoranza affinché potessero  svolgere un minimo di opposizione a una maggioranza bulgara e blindata, essendo loro due giovani politici alla prima esperienza consiliare e lasciati completamente soli, visto che Pirozzi e D’Ambra sono “scomparsi” e la Del Prete è subito passata in maggioranza. Inoltre, siamo passati da 50 contatti giorna…

Marano, al teatro Alfieri risate a crepapelle con gli allievi del laboratorio di cabaret “Terra dei comici”

Ospiti d’onore: Salvatore Gisonna, Francesco Casagrande, Corrado Taranto. La serata è stata presentata da Ugo Crispino, ideatore e conduttore del laboratorio, e da Arianna Brunelli.  Un plauso al maestro Mario Simeoli, ad Antonio Furiano e Fabio Izzo, i tre gestori del teatro, per l’ottima organizzazione




Cliccate sopra e vi divertirete tanto

















Calvizzano, sintesi del bavaglio 2

Il presidente del Consiglio comunale Mauriello contraddice il cugino sindaco: “il giornalista (Rosiello, ovviamente, anche se non fa il nome) è preparato e competente, però rema contro l’amministrazione” 

Calvizzano, il bavaglio bis?

Scandaloso: alla conferenza stampa sul Piano urbanistico non si fa parlare la stampa

Cliccate sopra
Attacco a Rosiello di calvizzanoweb. Il sindaco: “io non la conosco proprio come stampa”

Cliccate sopra
La provocazione continua. Il Primo cittadino chiama la stampa per parlare contro la stampa: “non mi faccio condizionare da certe stupidaggini che vengono raccontate”

Cliccate sopra
Il sindaco Salatiello convoca la stampa per parlare di puc, ma coglie l’occasione per scagliarsi contro i vigili urbani e “Calvizzanoweb”
Cliccate sopra
Gran finale

Cliccate sopra


Quando l’ex sindaco Granata tornò da Potenza…

A marzo 2011, l’ex sindaco, Giuseppe, Granata inviò una lettera al nostro blog. Se dovesse riscriverla di nuovo chi inserirebbe dei vecchi suoi pseudo amici nella zona grigia?

Ieri, sabato 19 marzo, festa del papà, tornando da Potenza, ove mi ero recato con i miei familiari per partecipare come ogni anno alla “Giornata della Memoria e dell’Impegno”, che il grande Don Ciotti e “Libera” organizzano ogni anno in ricordo delle Vittime innocenti di mafia, cui un destino infame ha voluto che appartenessi, ripensavo al discorso conclusivo fatto dal palco da Don Ciotti.
Don Ciotti è un comunicatore formidabile, un sacerdote che ha dedicato la sua vita a un impegno difficile e pericoloso, l’Antimafia. Ma soprattutto è “più avanti” . Riesce a capire e ad interpretare prima degli altri, e delle stesse Istituzioni, quale è l’avanguardia del problema, il fronte della guerra contro le mafie che tutti devono combattere. Don Ciotti ha spiegato, nel solitamente bellissimo discorso di sabato, che il nuo…

Calvizzano, il consigliere di minoranza D’Ambra non vuole che la tassa sui rifiuti sia più leggera?

Michele D’Ambra, l’impiegato delle Poste, come viene caratterizzato da queste parti, continua a stupire, in negativo ovviamente. A parte il record delle non presenze in Consiglio comunale  (in tre anni e mezzo di consiliaturaè stato battuto solo dall’ex sindaco Giacomo Pirozzi, completamente dileguato), vanta anche il primato delle contraddizioni. Siede ancora nei banchi della minoranza, ma nella pratica si comporterebbe come se stesse con un piede in maggioranza. Ieri l’altro si è rifiutato di firmare, come ci hanno riferito Sequino e De Vito, gli unici due consiglieririmasti davvero in minoranza, la pregiudizialesulla sospensione del punto all’ordine del giorno, riguardante l’approvazione del Piano finanziario Tari. Un documento politico che avrebbe posto le basi per far pagare, nel 2017,una tassa sui rifiuti più leggera ai cittadini. Perché non l’ha voluto firmare? Aveva il timore di mettersi contro Salatiello e la sua maggioranza? Ma quando si è candidato non ha messo in conto che…

L’incoerenza morale di tanti cattolici impegnati in politica

Riproponiamo un articolo pubblicato qualche anno fa e ancora di grandissima attualità.  Nei vari Consigli comunali siedono diversi personaggi che si recano a messa tutte le domeniche, vanno spesso in pellegrinaggio, raccolgono fondi per la parrocchia e poi…
Fare politica significa impegnarsi in prima persona per migliorare la vita dei cittadini. Fin qui niente di nuovo. La nostra potrebbe sembrare un’affermazione pleonastica, anche se non è così. Negli ultimi anni, infatti, nei nostri territori, abbiamo assistito a una stasi amministrativa, per mancanza di idee,  ma soprattutto per mancanza di uomini all’altezza del compito assegnatogli dall’elettorato: tutto ciò si riflette, poi, negativamente sulla nostra quotidianità. Di esempi se ne possono fare tanti: vedi la carenza di strade, con gravi ripercussioni sul traffico; vedi la mancanza di strutture aggregative per la pratica dello sport, vedi la mancanza di luoghi pubblici dove poter coltivare hobby e passioni come il teatro e l’arte …

Calvizzano, “lo Zar di Calvizzanoburgo” ha deciso di mettere il bavaglio a Rosiello di calvizzanoweb?

L’editto sarebbe arrivato e tutti hanno dato l’assenso, pardon “chinato la testa”, anche quelli che magari non condividevano (tra questi spiccherebbero diversi che farebbero di tutto per una poltroncina o un pezzetto di terra…?). Guai a contraddire il capo? Gesto da vili? Solo Angela De Vito, unica presente in aula per la minoranza, ha votato contro la proposta “sovietica”, cioè che calvizzanoweb (siamo gli unici a essere sempre presenti e a parlare di Calvizzano, altrimenti chi lo conoscerebbe questo paese) non deve più effettuare riprese audio e video, comprese le foto, in Consiglio comunale, fino all’adozione del nuovo regolamento. Allora spiegate ai cittadini che credono in un’informazione libera, perché finora avete consentito che le riprese venissero effettuate, addirittura senza più pretendere la solita domandina, intestata al presidente del Consiglio comunale (sarebbe spettato a lui prendere una decisione, invece …). E’ stato invocato il diritto alla privacy. Questo, a nostro …

Marano, in 25 anni 6 commissariamenti: 3 per infiltrazioni camorristiche

Questo è il sesto commissariamento che è costretto a subire la città negli ultimi venticinque anni: tre per infiltrazioni camorristiche. Il primo avvenne a settembre 1991: quando era sindaco il democristiano Carlo Di Lanno, il ministro dell’Interno, Vincenzo Scotti, firmò il decreto di scioglimento per collusione con la camorra. Si insediò una triade commissariale: Roberto Amato, Ugo Del Matto, Giuseppe Canale. Dopo appena tre settimane, Del Matto gettò la spugna, per motivi di salute; venne sostituito dall’ing. Enrico Della Gatta, il quale si dimise dopo circa nove mesi. Dopo un anno, si dimise pure Amato; per un clima decisamente arroventato, fu mandato a Marano l’ex questore, Franco Malvano, che fu affiancato dai due sub commissari Luigi Armogida e Paola Basilone (napoletana di 63 anni, oggi Prefetto di Roma); successivamente si sentì l’esigenza di un supervisore per l’ufficio tecnico: fu nominato l’ing. Enrico Piramide. Della prima triade, Canale fu l’unico commissario che riuscì …

Marano. Commissione d’Accesso e scioglimento per infiltrazioni camorristiche, l’ex sindaco Bertini fu il primo ad aver previsto i due eventi

Ora che il Comune è stato sciolto per infiltrazioni camorristiche,  politici e qualche organo di informazione locale vorrebbero contendersi il primato di chi aveva previsto con largo anticipo questo evento. I fatti, però, smentiscono tutti. Fu l’ex sindaco Mauro Bertini il primo a parlare di insediamento di una Commissione d’Accesso e di rischio scioglimento per infiltrazioni camorristiche. Lo fece a maggio 2013, nel corso di un’intervista concessa al periodico “l’attesa”. In quel periodo, ci furono le elezioni amministrative e Bertini fu uno dei candidati alla poltrona di Primo cittadino.  Il cronista gli fece la seguente domanda: Dalle colonne del suo giornale ma anche dal suo blog “l’altramarano”, lei ipotizza che Marano, qualora dovesse vincere il centrodestra, potrebbe fare la fine di Giugliano, cioè essere sciolto per infiltrazioni camorristiche. Come mai questo pessimismo? “Se dovesse vincere il centro destra  - rispose – ci sarebbero seri rischi. Vede io non mi permetterei mai d…

Calvizzano, la consigliera di minoranza De Vito mette in difficoltà l’intera maggioranza. Da sola contro tutti è riuscita a ottenere un’importante vittoria politica

E’ bastata una pregiudiziale consegnata al presidente del Consiglio comunale, Antonio Mauriello, prima che iniziasse l’assise cittadina a mandare in tilt l’intera maggioranza. In buona sostanza, essendo in discussione il Piano finanziario Tari 2017, attraverso il quale viene determinata la tassa sui rifiuti per il prossimo anno, la consigliera di minoranza, presente solo lei per l’opposizione, ha chiesto una sospensiva sull’unico punto all’ordine del giorno, poiché nel Piano  non sono state defalcate le spese mai sostenute, il che avrebbe comportato una bolletta più leggera per i contribuenti. La seduta non è stata sospesa, perché il sindaco ha presentato un emendamento (votato solo dai consiglieri della maggioranza) nel quale sono state ritenute valide le ragioni della De Vito e di Biagio Sequino (firmatario anche lui della pregiudiziale) e di impegnarsi, in sede di approvazione delle tariffe a calcolarle sulla base di un Piano più dettagliato dove verranno analizzate singolarmente l…

Il popolo di Calvizzano si infervora per la denominazione della nuova villa comunale

E’ anche diventato un caso popolare, dopo essere stato politico, la denominazione della nuova villa comunale di Calvizzano. I cittadini sembrano aver deciso e vogliono che l’amministrazione comunale accetti la loro proposta di dedicarla a Francesco Davide. Numerosi i commenti alla proposta e di alto livello la discussione che in queste ore si sta svolgendo sul gruppo “Sei di Calvizzano se…”. Non sono mancati gli interventi di diversi esponenti della cultura locale e cittadina. Altri, da noi interpellati, si sono dichiarati entusiasti dell’idea. Volendone citare alcuni:
·Ciccarelli Fabrizio (Autore del libro “Torno da Turista”, Vincitore del premio culturale                                           città di Calvizzano, Vincitore della X° Edizione del Concorso                                           Nazionale di Poesia Città di San Giorgio a Cremano). ·Pasquale Musella (Autore del disco “Via Provinciale, 15”).
·Jvette Laudani (Amministratrice del gruppo “Sei di Calvizzano se…” riferimento