Passa ai contenuti principali

Post

Calvizzano, “Erba di casa mia”: ma quando viene completata la pulizia dei marciapiedi ?

Erba di casa mia”, nota canzone portata al successo negli anni ’70 da Massimo Ranieri: un testo che si addice alla situazione odierna di Calvizzano, dove l’erba continua a crescere a dismisura sui marciapiedi, impedendo il cammino dei pedoni. Dopo i nostri continui articoli, le decine di segnalazioni dei poliziotti municipali e l’interessamento del maggiore Biagio Chiariello, sovraordinato all’ambiente, a maggio scorso  l’ufficio tecnico del Comune  affidò alla GPN, la ditta che cura la raccolta rifiuti e lo spazzamento,  l’incarico di sradicare le erbacce dai marciapiedi del territorio per renderli praticabili. Lo stanno facendo, ma perché procedono con lentezza? I marciapiedi di viale della Resistenza e di via Sandro Pertini, due importanti arterie cittadine, oltre a essere perennemente sporchi e invasi da cumuli di immondizia, sono pieni di erbacce: i pedoni sono costretti a camminare in strada, mettendo a rischio la propria incolumità, poiché entrambe le strade sono a scorrimento…
Post recenti

Calvizzano, in via Eduardo De Filippo si continua a scaricare rifiuti sotto l’occhio della telecamera: ma verrà scovato l’incivile?

In via Eduardo De Filippo punto e a capo:  dopo la capillare pulizia effettuata la settimana scorsa nella parte confinante con via Di Vittorio da una ditta incaricata dal Comune, sono ricomparsi i cumuli di spazzatura,  sversati dai soliti ignobili, a danno dei cittadini perbene che osservano le regole del vivere civile.Neanche la telecamera riesce a fungere da deterrente. Ma funziona? Impossibile non individuare l’incivile, data la breve distanza tra l’occhio magico gli imballaggi in legno abbandonati.

In tempo di crisi ritorna il pegno: vende la fede nunziale per pagare l’affitto

Un tempo ci si impegnava di tutto: biancheria per la casa, mobili, argenteria, pellicce, oggetti d’oro. Dopo la seconda guerra mondiale tutto tornava utile per comprare da mangiare. Oggi, scene che sembravano ormai dimenticate sono tornate d’attualità, specialmente durante l’emergenza sanitaria del Covid-19. Chi a metà mese non ha più soldi per fare la spesa, chi deve pagare la bolletta scaduta da tempo o l’affitto perché pressato dal padrone di casa, ma c’è pure chi è finito sotto le grinfie spietate di qualche usuraio che non vuole sentire ragioni, neppure quella del coronavirus. La tipologia dell’impegnatario è diventata estremamente eterogenea, segno che la recessione economica ha colpito tutte le fasce sociali. Oggi, infatti, sono anche i piccoli imprenditori, i liberi professionisti, gli extracomunitari e tutta la media borghesia a scegliere “la strada dl pegno”. Impegnare un oggetto prezioso, soprattutto d’oro, appare quindi come la soluzione più facile per acquisire un introit…

Siamo entrati nel mondo della dopamina, ma ci salverà la serotonina

Per avere un mondo serotoninico, nel quale il benessere e l’appagamento la fanno da padroni, bisogna dedicarsi alle cose di lunga durata: la cultura, l’agricoltura, i viaggi, l’amore per le persone e per i posti…
Partiamo dall’interessante lettera che Bruno Mercuri,  neurologo, scrisse diversi mesi fa a Michele Serra sul “Venerdì di Repubblica”, nella quale sostiene che siamo entrati a tutti gli effetti nel mondo della dopamina. I nostri tempi, i nostri rapporti, i nostri comportamenti, perfino i nostri vizi sono sempre più basati su una (pseudo) socialità illusoria. Il lampo nella testa, il brivido, il senso di premio e si ricomincia. E’ l’abbassare della leva che dà il brivido. Fa degli esempi:  grattare con la moneta la copertura simil-metallica ma tenera del biglietto della lotteria istantanea, postare qualcosa sui social. Mercuri pensa che siano pochi quelli che lo fanno per diventare milionari. La maggior parte lo fa per la botta di dopamina. Nella società e soprattutto sui socia…

Marano, via Ruocco di nuovo sporca

In via Ruocco punto e a capo: oggi  sono ricomparsi i cumuli di spazzatura. Proprio ieri, infatti, la strada della frazione collinare di Marano è stata pulita dai cumuli di rifiuti, sversati di notte dai soliti ignobili, a danno dei cittadini perbene che osservano le regole del vivere civile.  Sono anni oramai che la gente del posto, esasperata, segnala tale scempio ambientale e tutte le volte che ripuliscono il giorno dopo ricominciano a sversare come se fosse tutto normale. Eppure potrebbe essere veramente una bella oasi, dove poter passeggiare e respirare aria pulita,  invece è un eterno immondezzaio.

Calvizzano, aula multisensoriale scuola dell’infanzia e voucher: chiesto finanziamento regionale

Il Comune tenta l’aggancio ai fondi regionali SIEI 2019 per realizzare un’ aula multisensoriale nella scuola dell'infanzia Istituto Polo ed erogare voucher alle famiglie con minori da 0 a 3 anni in cui lavorano entrambi i genitori. I Commissari straordinari hanno approvato il progetto di fattibilità tecnica, presentato la settimana scorsa in Regione nella speranza che venga finanziato. Un progetto, a firma del sovraordinato ing. Giovanni Amato, dell’importo complessivo di 53mila532,25 euro, che contempla anche  l’adeguamento igienico-sanitario della struttura prefabbricata realizzata ai tempi dell'amministrazione Pirozzi. Il Fondo SIEI (Fondo Nazionale per il Sistema Integrato di Educazione e Istruzione) è finanziato con somme assegnate all’Ambito 16 dei Servizi Sociali nella cui competenza rientra anche il Comune di Calvizzano (Melito è l'Ente capofila).
Aula multisensoriale
Lo scopo dell’intervento è quello di migliorare la fruibilità degli attuali ambienti scolastici, cre…

Marano, storie del passato: “Ciccio ‘e Pacchicco”, simbolo dell’emergenza abitativa inizio anni ‘90

“Vivere ai margini”, drammatica odissea di Salvatore Manco e della sua numerosa famiglia: articolo a firma di Mimmo Rosiello, apparso sul periodico “ideaCittà” a gennaio 1992.  Lo proponiamo ai nostri lettori visto che, a oltre 28 anni di distanza, il dramma della casa è un argomento ancora di grande attualità
Seconda traversa San Rocco civico 18, o meglio, marciapiede che costeggia il terraneo numero 18. E’ lì che hanno sbattuto Manco Salvatore, più conosciuto come “Ciccio ‘e Pacchico”. Non c’era di meglio. Sette figli, una moglie dalla salute sempre più cagionevole, una vita segnalata da un crudele destino che ormai non guarda in faccia più a nessuno. Una vita di stenti e di miseria. Una triste storia di ordinaria emarginazione, un dramma, un calvario quotidiano ovattato nelle quattro lamiere che fanno da scudo a un tugurio in uno dei centri della bistrattata periferia del malessere, dove la solidarietà dei vicini, anche se è un fatto sempre più raro, supplisce l’assenza dello Stato c…

Marano, il gesto eroico di Ferdinando ed Enrico Nuvoletta: salvarono “I Pacchicco” dal monossido di carbonio

La famiglia dei “Pacchicco” fu salvata dal gesto eroico di Ferdinando Nuvoletta (morto a novembre 2018 a 93 anni, padre dell’eroe Salvatore ammazzato dalla camorra) e di suo figlio Enrico. L’episodio risale agli anni ’60:  padre e figlio, mentre si recavano al mercato ortofrutticolo di Marano, come facevano ogni mattina, videro uscire fumo dalla finestra di una casa al primo piano delle palazzine di via Arbusto, dove abitavano i Pacchicco. Grazie al loro tempestivo intervento, fu evitato il peggio: i Pacchicco avevano inalato i fumi del braciere, acceso per scaldarsi, rimanendo intossicati dal monossido di carbonio. Di quell’episodio e del gesto eroico di Ferdinando ed Enrico Nuvoletta, all’epoca ne parlarono anche i giornali. 

Calvizzano, al via lavori rifacimento strade cittadine

Ieri, al Comune, è stato firmato il contratto con Società Coop. Progetto 2000 di Quarto, la ditta vincitrice della gara d’appalto, bandita dalla SUA (Stazione Unica Appaltante presso i provveditorato alle Opere Pubbliche), dei lavori di rifacimento del manto d’asfalto delle strade interne al paese. Lavori, la cui direzione è stata affidata ai tecnici comunali, geometri Giuseppe D’Angelo e Raffaele Ordichelli, che inizieranno la settimana prossima, come ci hanno riferito all’Ufficio tecnico del Comune.  Il progetto esecutivo dell’opera (venne approvato con delibera commissariale 88 del 24 ottobre 2019) dell’importo complessivo di  1milione29mila412 euro, di cui 776mila877,55 euro per lavori (la somma a base d’asta), 15mila euro per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso e 237mila534,86 euro di somme a disposizione dell’amministrazione, è finanziato con residui di vecchi mutui (629mila161,82 euro) e buona parte (400mila250,59 euro)  dei 600mila250 euro assegnati nel 2019 dal Vimin…

Calvizzano, l’elenco delle strade che saranno asfaltate

Via Fleming (l’abbiamo messa in cima all’elenco, poiché, da anni, denunciamo lo stato di degrado e di abbandono di questa stradina di periferia che da viale della Resistenza confluisce su via Giordano Bruno nei pressi del serbatoio idrico. I politici invece si fanno vedere solo nei periodi elettorali).
Viale della Resistenza; viale Sandro Pertini; Via Mirabelli; Via Aldo Moro; Strada Peep (unisce le cooperative di via Aldo Moro con quelle di via Nenni)- via Bachelet; via Pio La Torre; viale dell’Indipendenza; via Longo; Viale Europa; via De Gasperi; via della Libertà; via Diaz; via Garibaldi; via Mazzini, via Dante Alighieri; viale della Repubblica, via Marchesi; via Martiri di Kindu; via Alveo (tratto calvizzanese); via San Giacomo; via Raffaele Granata (breve tratto di competenza del Comune diCalvizzano); via Sconditi (strada ricadente nei Comuni di Marano e Calvizzano).   
Lavori
Dalla relazione tecnica
La rete stradale comunale presenta in parte di essa una pavimentazione deteriorata …

Strada intercomunale Raffaele Granata, anche Calvizzano non ha mai pagato i canoni di concessione in uso

Calvizzano, come altri Comuni attraversati da via Raffaele Granata (dove una volta c’era la Piedimonte Alifana) sarebbe inadempiente nei confronti di EAV, proprietaria della strada. Dagli atti da noi consultati sull’albo pretorio online non risulta (a meno che non ci sia sfuggito) nessun impegno di spesa. Il canone, soggetto a rivalutazione istat, da versare nelle casse dell’Ente Autonomo Volturno, non è molto consistente, visto che il tratto ricadente su Calvizzano è breve: ammonta a circa mille euro all’anno.    I Comuni, ognuno per le sedi stradali di propria pertinenza, sono responsabili civilmente, penalmente e amministrativamente nei confronti di terzi. Sono altresì responsabili, sempre per le tratte di competenza, dei lavori ordinari e straordinari di manutenzione e dell’illuminazione.

Strada intercomunale Raffaele Granata, dal 2014 Marano non paga i canoni di concessione in uso a EAV

Quasi tutti i Comuni attraversati da via Raffaele Granata sarebbero inadempienti nei confronti di EAV, proprietaria della strada cha da Marano (via Falcone) conduce alla rotonda di Villaricca (quella di fronte al bar Elite), toccando anche i territori di Calvizzano e di Mugnano. Quest’ultimo, il 13 settembre 2018, ha risolto la sua posizione con EAV (Ente Autonomo Volturno, socio unico della Regione Campania, che, con atto di fusione del 27-12-2012, ha incorporato Metro Campania Nord-Est e le società Circumvesuviana e Sepsa), firmando una convenzione per l’acquisizione delle aree dismesse ex Ferrovia Alifana. Marano, invece, Comune capofila e firmatario dell’atto di transazione con la società ex Ferrovia Alifana per i canoni non versati dal 2002 al 2011, solo nei bilanci 2012 e 2013 avrebbe postato sia le spese relative ai fitti annuali di locazione che quelle pattuite per i canoni non versati. Dal 2014 a oggi, poi, non sarebbe stato prodotto alcun atto gestionale riguardante i fitti.

Marano, cronistoria dei finanziamenti persi: “Informagiovani”, la Regione stanziò 144mila euro per un progetto fallito

I circa 144mila euro (per la precisione 143mila950,56 euro), stanziati dalla Regione e trasferiti al Comune tra il 2013 e il 2014, tornarono al mittente, poiché il progetto Informagiovani intercomunale, di cui Marano era capofila, non decollò mai. “Il progetto non è mai decollato – dissero all’Ufficio servizi sociali al giornalista di Teleclubitalia Mimmo Rosiello – per colpa di altri Comuni aderenti (Qualiano, Calvizzano e Villaricca) che, nonostante i nostri solleciti e le numerose riunioni convocate, non hanno mai impegnato le loro quote di compartecipazione”. L’Informagiovaniè uno sportello di sostegno per facilitare l’accesso al mondo del lavoro. Marano fu, negli anni duemila, uno dei primi Comuni del comprensorio giuglianese a istituirlo. Con delibera di Consiglio comunale del 18 aprile 2007, poi, venne istituito in forma associata con i Comuni di Calvizzano e Villaricca e, tra le parti, si addivenne a un accordo inteso ad assegnare a Marano il ruolo di Centro servizi. Nel 2010, a…

Una TAC da Record a Frattamaggiore, sostituite quelle di Giugliano e Pozzuoli

Dal primo luglio è entrata in attività la nuova TAC 128 slices presso l’ospedale San Giovanni di Dio di Frattamaggiore. Si tratta di un’apparecchiatura da record per la velocità di esecuzione degli esami, il basso livello di radiazioni e la precisione di riproduzione dei dettagli. La TAC 128 slices permette di distinguere particolari millimetrici eliminando qualsiasi alterazione dovuta ai movimenti, inoltre, grazie al software per le indagini cardiologiche è possibile fare specifiche indagini su problematiche cardiache. Con questa macchina, infatti, è possibile guardare organi che si muovono rapidamente, come il cuore e i polmoni.
Il nuovo macchinario - che ha richiesto un investimento di 300.000 euro - ha sostituito un’apparecchiatura in uso presso il San Giovanni di Dio da 16 anni. Le TAC 128 slices rappresentano una frontiera fortemente avanzata della diagnostica per immagini, caratterizzando generalmente le grandi strutture ospedaliere o i centri diagnostici più avanzati.
Dice Anton…

Una buona notizia per la frazione periferica maranese di Torre Caracciolo: la settimana prossima verrà ripristinata la linea 144

Si comunica alla Città di Marano che la linea del 144, che percorre la zona di Torre Caracciolo, verrà ripristinata nelle prossime settimane con l'utilizzo dei minibus. Infatti come anticipato qualche giorno fa , in seguito all'incontro tenutosi in Regione tra la V commissione consiliare permanente di Marano e il consigliere Coppola, l'ottava municipalità di Napoli e i consiglieri regionali Casillo, Cascone e Amato sono state eseguite numerose pressioni sulla ANM al fine ultimo di ripristinare il servizio che era stato soppresso, lasciando con scarsi servizi pubblici una importante zona periferica di Marano. E oggi i consiglieri regionali ci hanno comunicato che la settimana prossima l'ANM metterà di nuovo in circolazione i minibus e anche un minubus che farà lo stesso tratto della linea 144. Siamo lieti del risultato raggiunto fin ora e attenderemo che la tratta riprenda al più presto, e qualora non venisse riattivata faremo ulteriori pressioni.
V Commissione consiliar…

Via Pietro Nenni, altra strada pericolosa di Calvizzano: inascoltati i continui appelli dei cittadini per una maggiore sicurezza

Fa paura il tratto finale di circa 100 metri di via Pietro Nenni, una stradina stretta e pericolosa, senza marciapiedi, spesso teatro di numerosi incidenti: sbocca su via Tagliamento (di fronte al teatro Alfieri), la strada di confine tra Marano e Calvizzano. Inascoltati i continui appelli dei cittadini della zona che, da anni, reclamano una maggiore sicurezza. E come se non bastasse i Commissari straordinari hanno deciso di farla rimanere una strettoia, come si evince dal piano urbanistico recentemente approvato, e di rigettare l’osservazione del partito democratico, finalizzata all’allagamento del tratto finale di questa importante arteria cittadina. Nelle rispettive proposte degli ultimi due piani urbanistici (quelle delle ex amministrazioni Salatiello e Granata) era previsto tale allargamento. Ora tocca alla prossima amministrazione rimediare al “guasto”, attraverso l’approvazione di una variante urbanistica. Tutto, ovviamente, dipende dalla volontà politica, ma ce ne renderemo co…

Calvizzano. Via dell’Indipendenza, la storia che si ripete da anni: rami sporgenti impediscono il cammino sui marciapiedi

Sempre la stessa storia per la problematica dei rami sporgenti in via dell’Indipendenza. Nonostante siano state elevate diverse contravvenzioni dai poliziotti municipali calvizzanesi sia per violazione  dell'articolo 29 del Codice della Strada (in ragione del propagarsi dei rami sulla pubblica via) che per violazione dell'ordinanza n.2153/2013 per mancata pulizia/diserbo/sfalcio del fondo, qualcuno   ancora non provvede alla pulizia delle siepi riguardanti i terreni di sua proprietà.    L’anno scorso, dopo i nostri continui solleciti, i lavori di decespugliamento vennero eseguiti dalla ditta di manutenzione del verde, dopodiché il Comune avrebbe dovuto procedere in danno nei confronti di chi non avrebbe rispettato l’ordinanza sindacale. E’ stato fatto?

Calvizzano verso le amministrative, un commentatore: “la coerenza del direttore Rosiello non apprezzata dal candidato sindaco Pisani”

Il commento
Bisogna dare atto al direttore del blog di essere intellettualmente coerente con la sua idea di cambiamento.
Il candidato Pisani da lui sostenuto
1. Annuncia la sua candidatura su un blog di Marano "altra notizia"
2. Rilascia un’ intervista a teleclub.
3. Rilascia un’altra intervista al meridiano.
Non calcola neanche di striscio l'unico operatore di settore calvizzanese. E nonostante tutto lo sostiene.
Direttore se pur viene mortificato il tuo ruolo di giornalista e il tuo lavoro verso il cambiamento della classe politica calvizzanese. Ne esce premiata la tua onestà intellettuale.
Alla fine sei non apprezzato dalla tua stessa creatura.
Ai miei occhi per quanto valga poco ne recuperi stima.
PremessaLa Coerenza è un Valore: Non è Sempre Facile. ... Tutti dovrebbero cercare di essere coerenti nei fatti con quel che dicono a parole. L'incoerenza infatti confonde quelli che ci stanno intorno ed anche, insospettabilmente, noi stessi”. Non è mia la frase, l’ho estrapolat…

Nel 2011 Marano perse 11milioni di fondi Più Europa

Ci fu un rallentamento nella definizione delle opere, per mancanza di chiarezza dell’indirizzo politico: speriamo che non accada anche per i fondi Pics, destinati, come i fondi Più Europa, ai Comuni con oltre 50mila abitanti  
Nel 2011, per il Programma PIU EUROPA, fu proprio il prolungarsi dei tempi propedeutici alla stipula dell’Accordo di Programma  a provocare una riduzione  di circa 11milioni di euro di finanziamento. E’ scritto nella relazione dell’architetto Michela Romano (ex funzionaria del Comune di Marano) del 2016, quando era responsabile dell’Ufficio PIU EUROPA.
La fase organizzativa di stesura della documentazione propedeutica alla stipula dell’Accordo di Programma – scrive Romano - ha avuto dei rallentamenti dovuti alla definizione delle opere e alla programmazione, come evidenziato anche dalla nota prot. 1480 del 17/11/09 dell’allora Responsabile Coordinatore. Questo rallentamento, cagionato dalla “…mancanza di chiarezza dell’indirizzo politico…”, non ha permesso all’Ent…

10 anni fa moriva Gianfranco Scoppa, maestro di umanità e solidarietà: nella storia di Marano ha lasciato un segno come medico, come politico, ma soprattutto come imprenditore

Giugno 2010: estate terribile per i lutti nel mondo della politica. Nel giro di pochi giorni morirono Gianfranco Scoppa, Castrese Angellotti e Giuseppe Carandente Giarrusso, tre esponenti di primo piano della vita pubblica locale. Di Angellotti e Carandente Giarrusso ne abbiamo parlato in altri articoli. Gianfranco Scoppa morì a 61 anni in un caldo giorno di giugno.  Unanime fu il cordoglio. Oltre a essere stato un eccellente medico, era un maestro di umanità e solidarietà. Mai un gesto di presunzione, sempre modesto, ma soprattutto umile: nella storia di Marano ha lasciato un segno come medico, come politico, ma soprattutto come imprenditore. Investì i suoi capitali per ammodernare quel gioiello di sanità diagnostica e terapeutica che risponde al nome di Centro Aktis, che non ha nulla da invidiare alle strutture del nord. Un imprenditore solidale, pronto a dare sempre una mano agli ultimi e a non tirarsi mai indietro, quando si trattava di sponsorizzare una manifestazione di qualsiasi…

Marano-Calvizzano. Disastro ambientale ed abusivismo edilizio, binomio criminale: Sinistra Italiana e Stop Biocidio gli unici a preoccuparsi della salute dei cittadini

Richiesto incontro dirigente Area Tecnica e Comandante Polizia municipale per  fare il punto della situazione

A seguito delle ultime denunce giornalistiche, lanciate dal direttore di Calvizzanoweb, ci siamo recati in sopralluogo nei luoghi degli sversamenti abusivi di acque domestiche nel vallone del Carmine . Un sopralluogo effettuato insieme allo stesso direttore ed anche al direttore de Il Corriere di Marano. Siamo partiti da Via Adda per poi ripercorrere tutto il tratto della devastazione. Nonostante il percorso iniziato lo scorso anno dalle forze dell'ordine e dall' ufficio tecnico e le varie ordinanze sindacali con cui si intimava ai proprietari degli immobili la costruzione di pozzi a tenuta è emerso che in quel luogo, quel solco naturale in cui dovrebbe defluire solo acqua piovana, vengono ancora scaricati invece liquami provenienti dagli scarichi delle acque domestiche. Un luogo ricco di vegetazione teatro di sversamenti abusivi di rifiuti ed acque domestiche , quelle …

Il calvizzanese Giuliano Granato di Potere al Popolo sfida De Luca e Caldoro alle regionali

Giuliano Granato, 34 anni, calvizzanese, ha la politica nel dna, proprio come suo fratello Gabriele, ovviamente quella di sinistra radicale, è candidato alla presidenza della Regione per la lista “Potere al Popolo. Laureato in Relazioni Internazionali all’Orientale, ha trovato lavoro a Londra presso un’azienda chimica, ma è tornato a Napoli da licenziato. “Mi hanno sbattuto fuori – ha dichiarato Granato al quotidiano “la Repubblica” – 5 giorni dopo un’assemblea sindacale nella quale mi battevo per i diritti dei miei colleghi lavoratori. Ho fatto causa all’impresa”.
Si candida per rompere il blocco di potere impersonificato oggi dal governatore De Luca e contro la destra populista e liberista.



Calvizzano. “Terra dei fuochi”, ritorno alla durezza: in seguito ad ordinanza dei Commissari straordinari avviata intensa attività di monitoraggio terreni incolti e abbandonati, oltre 20 i soggetti sanzionati. Bonificata vasta area in via Eduardo De Filippo

Ottimo il lavoro fatto dal sovraordinato Biagio Chiariello, coordinatore delle operazioni, e dalla Polizia locale  
Avviata intensa attività di monitoraggio di molti siti abbandonati, zeppi di rifiuti di ogni genere (anche speciali), rovi arbusti ed erbacce. L’obiettivo della triade commissariale, guidata dal Vice Prefetto Luca Rotondi, che ha adottato un'ordinanza in materia di igiene e sanità pubblica, è quello di prevenire gli incendi in una stagione estiva che si preannuncia bollente. Il sovraordinato Biagio Chiariello, coordinatore delle operazioni, e la polizia locale (ridotta a tre agenti) hanno svolto un lavoro eccezionale: censiti circa 50 terreniincolti ed abbandonati con applicazione, ai proprietari incuranti, delle sanzioni previste sia dall’ordinanza commissariale che dalle norme del codice della strada e del Testo Unico dell’Ambiente. Il lavoro proseguirà nei prossimi giorni.



L’ordinanza


COMUNE   DI   CALVIZZANO Citta Metropolitana di Napoli
Ordinanza n. 2418 Del   23/06…