Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2019

Rampa uscita Mugnano asse mediano chiusa, Sarnataro: “Anche se non è di nostra competenza, stiamo vigilando e sollecitando per risolvere il problema”

Uscita Mugnano dell'asse perimetrale Melito - Scampia, di proprietà e competenza del Comune di Napoli, il sindaco di Mugnano Luigi Sarnataro chiarisce quanto segue:  "Come primo cittadino sono sempre stato attento alle condizioni in cui versavano le rampe dell'asse mediano confinanti con il nostro Comune, sebbene siano di proprietà del Comune di Napoli. Dopo anni di denunce e segnalazioni, sono riuscito ad ottenere da Palazzo San Giacomo la totale pulizia dell'arteria, divenuta negli anni un vero e proprio ricettacolo di rifiuti di ogni genere. L'intervento di bonifica, per il quale è stato necessario chiudere la strada, si è concluso, ma le rampe sono rimaste off limits, creando un disagio alle centinaia di automobilisti di Mugnano e non solo che quotidianamente utilizzano l'asse perimetrale per recarsi a Napoli. Anche in questo caso mi sono immediatamente attivato per capire quale fosse il problema e come mai il Comune di Napoli non provvede alla riapertura d…

Marano, all’ Auditorium Siani grande interesse per l’incontro- dibattito sulle “Fake news”

L’ex Procuratore Nazionale Antimafia Roberti e il deputato Paolo Siani, fratello di Giancarlo, il giornalista assassinato dalla camorra,  hanno entusiasmato i numerosi ragazzi presenti. Franco Roberti: “bisogna smascherare i mentitori, quelli che fanno politica con le menzogne”. Parole “sante”, visto che esistono giornalisti che utilizzerebbero profili fake, per depistare l’opinione pubblica, criticare e offendere  i loro colleghi  
E’ andato alla grande l’incontro dibattitoiniziato alle 11 e durato poco più di un’ora. Tutti presenti gli ospiti annunciati: il sindaco Rodolfo Visconti e l’assessore alle Politiche sociali Floriana Trematerra; il dottor Franco Roberti, già Procuratore nazionale antimafia, attualmente Assessore alle Politiche della Sicurezza e Legalità alla Regione Campania (capolista al Sud per la lista Pd, il convegno è stato organizzato prima che Roberti venisse candidato alle Europee); l’Onorevole Paolo Siani, deputato al Parlamento e fratello di Giancarlo, il giornali…

Marano, forti emozioni al convegno sulle “Fake news”: l’ex Procuratore nazionale antimafia Roberti cita Mandela e recita la poesia “Invictus”, esortando i ragazzi a “essere padroni del loro destino e capitani della loro anima”

Il riferimento a Nelson Mandela


La poesia “Invictus” (l’invincibile) di William Ernest Henley recitata da Roberti

Dal profondo della notte che mi avvolge,
Nera come un pozzo da un polo all'altro,

Ringrazio qualunque dio esista

Per la mia anima invincibile.



Nella feroce morsa delle circostanze

Non ho arretrato né gridato.

Sotto i colpi d’ascia della sorte

Il mio capo è sanguinante, ma non chino.



Oltre questo luogo d'ira e lacrime

Incombe il solo Orrore delle ombre,

Marano, al convegno sulle “Fake news” presentato il libro di Leandro Del Gaudio “Ti chiamo fra un minuto”

Edito da Roggiosi, è ispirato a tre fatti di cronaca avvenuti a Napoli, caratterizzati dall’intreccio di fake news e vita reale
Intervista all’autore, cronista di giudiziaria de “Il Mattino”


Calvizzano, consulenza per l’accreditamento all'albo degli enti del servizio civile universale: manifestazione di interesse flop

Nessun organismo privato senza scopo di lucro ha aderito alla manifestazione di interesse, lanciata il 18 aprile scorso dal Comune, finalizzata a reperire un consulente che curasse gratuitamente la pratica di iscrizione del nostro Ente alla sezione regionale Campania dell’albo degli enti di servizio civile universale, istituito dal Decreto legislativo 40 del 6 marzo 2017.  Al protocollo del Comune, entro il termine ultimo del 26 aprile 2019, ore 12.30, non è arrivata nessuna lettera di adesione. Ora il Comune dovrà fare da solo, affrettandosi a consegnare la documentazione in Regione entro il 4 maggio 2019. Qualora il Comune dovesse essere accreditato, potrà presentare i progetti entro il 2020 per avere a disposizione i volontari nel 2021. Nel 2020 il Comune non disporrà più dei volontari del Servizio civile, non avendo presentato al Dipartimento della Gioventù, entro il termine ultimo dell’11 gennaio (prorogato al 18 gennaio) 2019, alcun progetto. Gli ultimi a prestare servizio per u…

Calvizzano, origini della chiesa Santa Maria delle Grazie e tela del Vaccaro: la descrizione del sapiente prof. Trinchillo

Prof Luigi Trinchillo: i padri che costruirono questa chiesa lentamente pensarono ad allargarla, così aggiunsero i tre cappelloni laterali: quello di sinistra, quello di destra e quello dietro l’altare maggiore



Prof Trinchillo: dopo aver allargato la chiesa, occorreva dare più luce (siamo nel ‘600), così venne creata la cupola e i tre grandi finestroni

Il prof. Trinchillo descrive la tela del Vaccaro raffigurante la Madonna delle Grazie







Mugnano, il serbatoio idrico di via Di Vittorio è in funzione da circa trent’anni

I lavori di costruzione del grosso fungo di cemento di Mugnano (ubicato in via Di Vittorio, di fronte allo stadio Nuvoletta di Marano), assegnati alla Comil di Catania, terminarono agli inizi degli anni novanta. Andò in funzione qualche anno dopo e risolse buona parte dei problemi di pressione in città. L’opera costò poco più di  tre miliardi di vecchie lire: 50 per cento a carico della Regione e l’altro 50 per cento a carico del Comune di Mugnano che dovette contrarre un mutuo. Alla sua base c’è una vasca di accumulo che ha una capacità di 5mila300 metri cubi. Le strisce rosse sulla sommità, sbiadite e indecorose, per cui sarebbe giunta l’ora di tinteggiarle, non hanno una funzione estetica, ma servono da segnalatori per il traffico aereo. 
E’ alimentato dalla rete idrica del gestore ABC  (Acqua Bene Comune Napoli)
La rete idrica del Comune di Mugnano Mugnano  è alimentata attraverso l’acqua potabile fornita da due gestori differenti: ABC e Acqua Campania. La fornitura ABC ha un costo …

“Regole e legalità”, La verità tra realtà, fantasia, fake news e la deriva dei social”: un incontro-dibattito che si terrà stamani, 29 aprile, presso l’Auditorium Giancarlo Siani di Marano

Introducono i lavori, previsti per le ore 10.30, il sindaco Rodolfo Visconti e l’assessore alle Politiche sociali Floriana Trematerra. Relazionano il dottor Franco Roberti, già Procuratore nazionale antimafia, attualmente Assessore alle Politiche della Sicurezza e Legalità alla Regione Campania (capolista al Sud per il Pd, il convegno è stato organizzato prima che Roberti venisse candidato alle europee); Onorevole Paolo Siani, deputato al Parlamento e fratello di Giancarlo, il giornalista ammazzato della camorra. Modera il giornalista de “Il Mattino”, Leandro Del Gaudio; conclude l’avvocato Marinella De Nigris, assessore all’Avvocatura al Comune di Marano. Un dibattito al cospetto delle nuove generazioni (saranno presenti studenti prossimi alla maturità)su un tema decisivo per la tenuta democratica delle nostre istituzioni: il rispetto delle regole, specie per chi è quotidianamente connesso, in un epoca in cui tante notizie fasulle (ieri “bufale”, oggi “fake news”) diventano virali tra…

Calvizzano, via Baracca: un altro spicchio di periferia dimenticata

Degrado e  mancanza di sicurezza continuano a farla da padroni in via Baracca, la strada di confine tra Marano e Calvizzano: troppi i paletti in ferro divelti e mai sostituiti. Furono installati diversi anni fa dal Comune di Calvizzano, sulla sponda calvizzanese, sia per favorire il passaggio dei pedoni (per mancanza di marciapiedi) sia per evitare il parcheggio selvaggio. La gente del posto è preoccupata e chiede interventi urgenti per garantire la massima sicurezza alle diverse decine di persone che la percorrono quotidianamente. Qualche mese fa un’auto (l’ennesima) perse il controllo e andò a sbattere contro uno dei paletti: per poco non ci scappò il morto. 
L’altro giorno, invece, sono stati divelti altri due paletti: di questo passo, la sicurezza diventa un optional.



Calvizzano, personaggi “tipici” del passato: “Totonno ‘o Scignill”, un uomo dedito al lavoro e alla famiglia. L’ultimo banditore

Dall’appassionato di storia locale Peppe Pezone riceviamo e pubblichiamo
Continuando la rubrica dedicata ai personaggi di Calvizzano, che benevolmente possiamo definire “tipici “, con questo articoletto vorrei ricordare il dipendente comunale AntonioBruno detto Totonno ‘o Scignill”, deceduto da parecchi anni. Non so di preciso quale fosse la sua attività in seno al Comune di Calvizzano, in quanto, come appresso leggeremo, lo vedevo impegnato in diverse mansioni. Iniziando poco dopo l’alba, ma anche quando era comunque necessario, spazzava le vie del paese, quindi penso fosse inquadrato come netturbino. Sicuramente svolgeva anche l’attività di banditore, infatti ricordo quando percorreva a piedi tutto il paese, per avvertire con voce chiara e possente, che, in determinati orari, sarebbe mancata l’acqua o comunque per altre notizie utili allacittadinanza. Lo ricordo pure calato in tombini comunali a sturare le fogne e spesso trasportare a spalla quarti di bovini dal macellaio in piazza…

Il Banditore, un mestiere scomparso

L'annuncio poteva riguardare sia una comunicazione dell'autorità, sindaco o podestà che fosse, sia una comunicazione commerciale

Una delle figure più pittoresche che un tempo animavano la vita delle nostre comunità, uno dei  mestieri ormai scomparsi è senza dubbio quello del civico banditore. Un tempo per le vie del paese, si poteva ascoltare il richiamo degli ambulanti, che propagandavano merci sia in acquisto che in vendita: chi ha uova da vendere, chi ha da vendere olive, chi vuole ritirare capelli caduti in sede di pettinatura oppure di stracci di stoffa, in cambio di aghi, o pettinini, o spagnolette di cotone. Molti artigiani di passaggio giravano, a piedi o in bici, proponevano la riparazione di recipienti in terra cotta o di ceste e panieri oppure la molatura di coltelli, forbici e attrezzi da lavoro oppure il rivestimento con stagno della superficie interna di pentole e caldaie in rame rosso. Il termine bando, probabilmente dal  gotico bandwa, segno e dal latino medievale …

Marano, è ancora al suo posto la chiesetta di via Iorace che rischiò di essere abbattuta

Era un oratorio pubblico dedicato alla Madonna Assunta, costruito nel 1960 su circa 50 metri quadrati di un più esteso terreno di proprietà di Passaro Antonio, con fondi ricavati da una colletta fatta tra i residenti delle masserie della zona di via Iorace e dintorni, dalle parti di via Marano Pianura, nei pressi della rotonda di via Del Mare. Gli abitanti, fino a una decina di anni fa si recavano ogni domenica a sentir messa, officiata negli anni ’90 da don Antonio Assante, all’epoca parroco della chiesa Regina Paradisi ai Guantai, poi da don Franco, come ci ha riferito un’anziana signora del posto, ex parroco della chiesa dello Spirito Santo, nel 2012 smascherato clamorosamente dalle telecamere delle Iene nel suo “vizietto” di molestare i giovani. Ritornando al fondo, fu poi ereditato da Izzo Paolo, come riportato dal periodico ideaCittà nel numero di aprile 1992, il quale, nel 1989, sottoscrisse un contratto preliminare nel quale prometteva di vendere l’intero fondo dell’estensione…

Università, in cattedra poco più 20 ordinari under 40: tra questi anche il calvizzanese Amedeo Pugliese

Tra i magnifici giovani in cattedra c’è anche il nostro concittadino Amedeo Pugliese, 39 anni, prof. ordinario di Economia Aziendale all’Università di Padova. Un giovane dalle idee chiare che ci ha creduto fino in fondo ed è arrivato, dopo tanti anni di gavetta, alla meta che si era prefissato. E’ sposato ed abita a Padova, ma quando può, essendo oberato di impegni, viene a Calvizzano a trovare suo padre Angelo, pensionato: lavorava al “Mattino”. Amedeo ha una sorella che vive in Toscana, lavora alle Poste. Ha frequentato la media Polo a Calvizzano e il liceo scientifico Elio Vittorini di via Domenico Fontana (zona Vomero alto), dopodiché si è iscritto all’Università di Napoli, Facoltà di Economia, laureandosi con il massimo dei voti. Pugliese, per più di un lustro giornalista de “Il Mattino” (lui e sua sorella hanno scritto per diversi anni anche per il periodico “L’attesa” di Marano), è stato ricercatore universitario presso l’Università Federico II di Napoli, ed ha vissuto per un l…