Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2014

Aspettando il 2015

“Questo blog, forse, è l'unico mezzo per essere informati su quanto succede in paese restando comodamente seduti! Non bisogna confondere informazione (quella che fa Lei) con polemica (quella che fanno coloro che non vogliono il bene di Calvizzano). Dispiace solo che da un pò di tempo i commenti sono diventati sempre più rari (per disinteresse o per ostruzionismo?)....Comunque, grazie per il Suo coraggioso impegno”. Antonio Castaldo Ce ne sarebbero tanti di articoli da scrivere, ma abbiamo scelto di concludere il 2014, pubblicando in prima pagina  il commento a firma di Antonio Castaldo, postato il 30 dicembre alle ore 18.49. Lo abbiamo fatto perché il signor Castaldo è una persona che segue da sempre le vicissitudini della città in cui abita (cosa estremamente positiva); è uno dei pochi che firma i suoi commenti (ha, dunque, il coraggio di esporsi); partecipa al dibattito senza peli sulla lingua (di queste persone ne occorrerebbero di più a Calvizzano); inoltre, perché le sue parole…

Calvizzanoweb: 5 anni e mezzo di informazione partigiana

Ma solo ed esclusivamente dalla parte dei cittadini
Cari cittadini vi scrivo, così vi  ricordo un po’ quello che abbiamo fatto in 5 anni e mezzo di informazione (senza contare i tre con Calvizzanonline), contribuendo a far funzionare meglio sia la macchina comunale che quella politico-amministrativa. L’anno vecchio è finito ormai, ma tante cose ancora qui non vanno.  Speriamo che il 2015 (quello che sta arrivando) sia migliore per tutti: noi, comunque, ci stiamo preparando e questa è già una novità.
Via Alveo Camaldoli Siamo stati una spina nel fianco delle varie amministrazioni che si sono succedute per far aprire quest’importante arteria stradale. Nel contempo, abbiamo denunciato ritardi e spreco di denaro pubblico. Invio bollette Tassa smaltimento rifiuti 2014 Abbiamo fatto economizzare al Comune circa 7mila euro, anche se il risparmio poteva essere molto più consistente, se fosse stata presa in considerazione la nostra proposta. Trasparenza Fino ad alcuni anni fa la trasparenza al Comune…

E’ Padre Ciro Tufo il personaggio dell’anno

Un prete moderno molto amato dalla sua comunità. E’ seguito da migliaia di fedeli, tra cui centinaia di giovani. Ha sempre una parola di conforto per tutti. Con lui la Parrocchia è diventata un autentico baluardo di legalità. Ma al di là delle qualità morali, abbiamo deciso di assegnargli la palma di  uomo dell’anno, per le tantissime iniziative che ha sfornato nel 2014
Cena per i poveri Ha terminato l’anno alla grande, organizzando un evento di solidarietà nella chiesa Santa Maria delle Grazie di Calvizzano che passerà alla storia locale. Una cena per i poveri alla quale hanno partecipato più di 350 persone indigenti. Colonia estiva La colonia estiva, durata tutto il mese di luglio, è stato il momento clou, poiché nel progetto “Villagio di Dio, Estate ragazzi 2014- Piano terra” sono stati coinvolti più di 600 tra ragazzi, bambini, giovani di Calvizzano e circa 100 volontari.
Fratelli Tufo, gemelli anche nella lotta
Don Ciro Tufo, insieme al fratello gemello Giuseppe, anche lui prete non…

Nominati i vincitori della prima edizione “Premio culturale città di Calvizzano”

Organizzato dal blog Calvizzanoweb, perché le varie amministrazioni che si sono succedute dal 2006 in poi sono state sorde alla nostra richiesta Ecco i nomi:
Raffaele Sivolella, scrittore. A partire dal 2010 ha pubblicato quattro libri con Edizioni Progetto Cultura - Roma (Il buio nell’anima, La stanza del gruppo, Viveremorirerinascere, Spirito Libero), che ha presentato e continua a presentare in tutt’Italia, con particolare attenzione ai ragazzi delle scuole superiori.Dal 2011 collabora con Progetto Itaca, associazione nazionale di volontari per la salute mentale - onlus, del cui Corso Pari a Pari è formatore da giugno 2014. Dal 2013 collabora con A.M.A. (Auto Mutuo Aiuto) Ceprano, come facilitatore di gruppo nei seminari in tutt’Italia rivolti a chi ha perso un caro per suicidio.
Francesco Marziani, musicista. Genio del jazz: i suoi virtuosismi al pianoforte e alla tastiera sono apprezzati e riconosciuti in tutta Italia. Ha collaborato con musicisti di fama internazionale e con alcuni…

Al via il bando di gara per il completamento del Palazzetto dello Sport

Il disciplinare di gara è stato pubblicato sul sito istituzionale il giorno della vigilia di Natale, ed è stato il modo migliore per fare un regalo ai calvizzanesi, in particolare agli sportivi. Il bando per i lavori di completamento del Palazzetto dello Sport di via Caduti di Superga è partito: il termine della ricezione delle domande è fissato al 6 febbraio 2015, mentre l’apertura delle buste è prevista per il 9 febbraio. I lavori dovranno essere completati entro 210 giorni dalla firma del contratto con la ditta che si aggiudicherà l’appalto. Si tratta di una gara con procedura aperta con il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa, determinato da una commissione giudicatrice. L’importo a base d’asta per i lavori è di 625mila380,23 euro, mentre quello per la progettazione esecutiva e il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, pure soggetti a ribasso, è di 29mila 625 euro: totale della somma soggetta a ribasso è pari a 654mila945,74 euro, alla quale vanno agg…

“Un giorno troverò un po’ d’amore anche per me”

Strada Alveo Camaldoli, Cacciapuoti replica a Topo

Il giorno dell’inaugurazione del tratto di strada che costeggia l’Alveo Camaldoli ricadente territorialmente nei Comuni di Villaricca e Calvizzano, l’ex sindaco di Villaricca e attuale capogruppo regionale del Partito democratico, Lello Topo, aveva reso al nostro blog la seguente dichiarazione: “hanno avuto poco coraggio. Se fossi rimasto sindaco, la pista ciclabile l’avrei sicuramente realizzata”. Affermazione che non è piaciuta a Raffaele Cacciapuoti, assessore ai Lavori Pubblici a Villaricca, il  quale ha voluto replicare   “La mia risposta è semplice ed efficace – afferma Cacciapuoti – Noi non solo siamo stati coraggiosi, ma anche folli, poiché, in un momento congiunturale sfavorevole, dove si fa fatica a onorare i debiti contratti dalle passate amministrazioni, siamo riusciti nell’intento di aprire una strada concepita nel 2004. Topo dice che se fosse rimasto sindaco avrebbe realizzato la pista ciclabile. Allora perché non l’ha fatto durante il suo mandato, visto che l’aveva scritt…

Il Comune impegna 33mila euro per mantenere a scuola 36 minori a rischio

Salgono  a 36 i minori a rischio del territorio in semiconvitto presso l’Istituto paritario autorizzato delle suore catechiste “Madonna del Buon Consiglio” di via Ritiro. Vale a dire 6 in più dell’anno scorso, più del doppio di quelli assistiti nel corso delle precedenti amministrazioni. Aumenta anche la quota annua di compartecipazione del Comune, passando da 29.166 euro dell’anno precedente a 33mila134,30  euro di quest’anno scolastico 2014-2015. Ai tempi dell’amministrazione Granata, tale quota ammontava a 10.500 euro. Dall’analisi dei costi presentata dalle suore, emerge una spesa complessiva annua di circa 46mila euro tra i minori che frequentano la scuola dell’infanzia e quelli   delle elementari. La cifra sborsata dal Comune quale quota di compartecipazione ammonta, dunque, al 72% della spesa totale. L’altro 18% se lo accollerà l’Istituto di religiose, presenti da diversi anni sul nostro territorio, che, tra l’altro gode anche del vantaggio di non pagare l’affitto dei locali di…

Tassa rifiuti box auto, manifesto subdolo e anacronistico

Nessuno toglie i meriti all’amministrazione di aver eliminato la Tari (nuovo nome della tassa sui rifiuti) sui box auto, garage e cantine  non allacciati alla rete idrica e fognaria e di aver mantenuto, quindi, la promessa elettorale. Vanno, però, sottolineati anche i demeriti. Se proprio si voleva rendere un servizio completo alla città, i manifesti di pubblicizzazione dell’evento andavano affissi prima di inviare nelle case dei contribuenti gli avvisi di pagamento del saldo Tari e non tre giorni dopo la data di scadenza del pagamento della tassa. Tantissimi contribuenti onesti, infatti, non essendo a conoscenza dell’atto amministrativo, hanno provveduto tempestivamente a onorare il loro debito con il Comune. Invece, molte altre persone che hanno appreso dal nostro blog o attraverso il passaparola dell’abolizione della gabella si sono recate all’ufficio tributi per farsi defalcare la somma non dovuta per la parte di tassa riguardante box, cantine eccetera. Chiaramente hanno dovuto co…

Via Ritiro, da 6 anni chiusa al traffico

La strada sbarrata è la cartina al tornasole di una situazione paradossale, dove giustizia lumaca, amministrazioni inefficienti e politica inefficace la fanno da padroni


Fu  chiusa all’inizio del 2009, poiché sopraggiunse l’esigenza di transennare due palazzi lesionati ubicati alla fine di via Ritiro. Essendo la strada stretta, le transenne occuparono l’intera carreggiata. Nel contempo, fu intimato ai proprietari di eliminare le lesioni, poiché potevano costituire un pericolo sia per l’incolumità degli abitanti dei due stabili che per i cittadini che percorrevano quotidianamente quella strada. I proprietari, però, fecero presente al Comune che per intervenire bisognava prima eliminare le copiose perdite (quella idrica e quella fognaria) provenienti dal sottosuolo,  perché i liquami, infiltrandosi negli stabili transennati, mettevano a rischio le loro fondamenta.
«Abbiamo chiamato in causa la Regione – affermò a febbraio 2010 al nostro blog l’ex sindaco Granata – poiché la fogna è di co…

Intitoliamo via Peep a Federico Del Prete, vittima della camorra

L’idea non è buttata a caso, ma nasce da alcune considerazioni. La prima. La strada, che unisce via Aldo Moro  con via Pietro Nenni (zona cooperative), non ha ancora un nome. L’appellativo  Peep  gli fu affibbiato ai tempi dell’amministrazione Pirozzi, quando fu costruita, perché prevista su un suolo rientrante nel piano di edilizia economica popolare. La seconda.  A gennaio prossimo dovrebbe partire il mercatino rionale che si svolgerà lungo questa strada. Federico Del Prete, nativo di Frattamaggiore, era un “mercataro” che, oltre a vendere capi di abbigliamento nel suo stand,  rappresentava sindacalmente i venditori ambulanti. Fu ammazzato dalla camorra il 18 febbraio 2002 a Casal di Principe, in quanto ebbe il coraggio di denunciare gli abusi e le irregolarità amministrative riscontrate nel corso dei mercati settimanali fino a spingersi a far luce sulle estorsioni di cui erano vittime i venditori ambulanti. Intitolare questa strada a Del Prete, dunque, significa dire no a tutti i t…