Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2016

Calvizzano. Infortuni per strade dissestate, i cittadini presentano il conto al Comune

Buche sulle strade e sui marciapiedi sconnessi costano care al Comune.  Arriva l’ennesima sentenza e il Comune è costretto a sborsare soldi per  l’ennesimo danno. Il Giudice di pace di Marano ha dato  ragione alla signora V. T. che ha chiesto al Comune il risarcimento delle lesioni subite in seguito alla caduta avvenuta in via Mirabelli. La signora, mentre percorreva a piedi il corso principale, inciampava in una buca presente sul marciapiede e non visibile in quanto a ridosso di un tombino. Riparare quella buca sarebbe costato sicuramente meno del risarcimento, ammontante a circa 5mila500 euro: per la precisione 3mila399,74 euro all’infortunata e 2mila085 euro al suo difensore, avvocato Milena Sarnelli.

Calvizzano, il 2 dicembre parte il servizio civico comunale: impegnati 87 nuovi operatori

Con circa 4 mesi di ritardo rispetto ai tempi programmati per l’inizio delle attività che avrebbero dovuto impegnare 40 operatori, parte il servizio civico comunale. In compenso, prenderanno servizio 87 volontari, selezionati recentemente dall’Alma S.p.A di Roma-Agenzia del lavoro. I 75 del progetto “Rispettiamo l’Ambiente” e 12 del progetto “Alfabetizzazione Immigrati”, rivolto ai circa 200 migranti presenti sul territorio calvizzanese. Quello della “Scuolabus” già è partito poco dopo l’inizio dell’anno scolastico. Ai controllori ambientali, divisi in 14 gruppi (6 o 5 dalla 8.00 alle 11.00 e 6 o 5 dalle 12.00 alle 1500), sono state assegnate 7 zone. Eccole: Centro storico, Cooperative, via Eduardo de Filippo (ex Commone), viale della Resistenza- via Benedetto Croce, viale della Resistenza- dir. Qualiano, San Pietro-Case Sparse, via Dante Alighieri e traverse (zona Palmentata).  
Al momento sono stati esclusi quelli dei seguenti progetti: “Sostegno scolastico” (5 operatori),   “Collabo…

Calvizzano avrà sia il cimitero che il forno crematorio

Il sindaco Salatiello: “sarà il primo impianto di cremazione dell’area a nord di Napoli. Con l’incasso delle royalties trasformeremo il paese”
Partito l’iter per la realizzazione del cimitero con annesso impianto di cremazione. La giunta, in data 28-11-2016, ha preso atto dell’avventa presentazione della proposta di finanza di progetto del 20 luglio scorso ad opera della società Edile Vispin srl di viale Colli Aminei (Napoli) associata alla società Ingegneria e Sviluppo con sede a San Vitaliano, in via Nazionale delle Puglie, Nel contempo è stato deliberato anche l’atto di indirizzo, rivolto al capo dell’ufficio tecnico, Lorenzo Tammaro, affinché esamini la fattibilità tecnica, giuridica ed economica della proposta e, nel giro di 30 giorni, consegni alla giunta apposita relazione illustrativa, con eventuali modifiche da apportare. Se tutto dovesse filare liscio, l’approvazione in giunta del progetto di fattibilità, eventualmente modificato, potrebbe avvenire nel giro di 3-4 mesi. “Abbia…

Il calvizzanese Sequino ora è anche leader del Comitato “Liberi e Sovrani con un No”

Domani, all’Ippodromo di Agnano, la chiusura della campagna referendaria del comitato per il No che fa capo a Salvini
Si concludeMercoledì 30 novembre alle ore 19.00pressol’Ippodromo di Agnano di Napolila campagna referendaria del comitato “Liberi e Sovrani con un NO”, nella quale, afferma Biagio Sequino, responsabile provinciale del comitato, spiegheremo perché non condividiamo né il metodo né il merito della riforma costituzionale targata RENZI - BOSCHI. La nostra e' stata una campagna territoriale ,contraddistinta da una presenza attiva sul territorio, alla ricerca di un contatto diretto con i cittadini. “Lo scopo è stato quello di portare la Costituzione fuori dalle sedi istituzionali, lontano dalle conferenze degli addetti ai lavori, per far sì che tutti potessero, attraverso un linguaggio semplice e diretto, apprendere le ragioni delNOe il concetto diSOVRANITÀ che questa riforma cancellerà dalla nostra Carta Costituzionale –spiega Gianluca Cantalamessa,del direttivo nazionale…

Il governatore De Luca inaugura il nuovo pronto soccorso dell’ospedale di Giugliano

Intervista all’on. Raffele Topo, presidente della Commissione regionale Sanità e Sicurezza Sociale: “stiamo lavorando anche per portare l’emodinamica a Giugliano”


Per quanto concerne il blocco delle prestazioni sanitarie di ogni fine anno, abbiamo usato la parola ticket, in quanto rende di più il concetto

A proposito di Emodinamica, per ogni coronografia l’Asl Napoli 2 Nord versa 2mila euro nelle casse sia del Secondo Policlinico che dell’ospedale Monaldi, le due strutture dove vengono trasportati  i ricoverati del reparto cardiologia di Giugliano  che abbisognano di questa indagine diagnostica 
Ricordiamo che al San Giuliano, dove esiste un ottimo reparto di cardiologia, nonostante abbracci una popolazione di oltre 300mila abitanti, manca un reparto di Emodinamica, dove poter effettuare la coronografia e interventi di angioplastica (l’impianto di stent) al contrario degli ospedali di Pozzuoli e di Nola dei quali si servono, rispettivamente, una popolazione più o meno simile a quella de…

Lavori allestimento tabelloni e seggi elettorali per il referendum, sempre la stessa musica: i Comuni viciniori fanno le gare, mentre Calvizzano affida i lavori direttamente e sempre alla stessa ditta

Per i lavori di allestimento dei seggi, montaggio e smontaggio dei tabelloni elettorali (tutto materiale fornito dal Comune), eccetera, Villaricca ha indetto una procedura aperta, individuando per l’invito un congruo numero di ditte iscritte all’albo comunale degli operatori economici; Mugnano ha bandito una procedura negoziata, mediante trattativa sul MEPA (Mercato elettronico delle pubbliche amministrazioni); Qualiano pure ha indetto una procedura negoziata con il massimo ribasso, mediante l’invito a perlomeno tre operatori; Marano espleta il servizio, come sempre, con gli operai del Comune; Calvizzano, invece, affida il lavoro direttamente (fino a 10mila euro è consentito dal regolamento comunale di contabilità) alla ditta Davide Giuseppina, impegnando una somma di 4mila740, 92 euro. E il principio della rotazione? Se non altro resta la nota positiva del risparmio di circa 200euro rispetto al referendum di aprile scorso.      


Calvizzano, consiglio comunale più veloce di Speedy Gonzales

L’ordine era quello di fare presto poiché alle 19.00 c’era la partita del Napoli. Il Consiglio comunale, infatti, è iniziato puntualmente alle 18.30, secondo l’orario di convocazione. In genere l’assise cittadina comincia sempre un’ora dopo  quella programmata, in pratica la tolleranza massima prevista dal regolamento consiliare. In appena una ventina di minuti, dunque, sono stati approvati tutti e quattro i punti all’ordine del giorno tra i quali spiccavano la rateizzazione (6 anni, 72 rate con interessi conteggiati al tasso legale) degli oneri concessori, relativi alle istanze del condono edilizio e il regolamento per l’utilizzo del Palazzetto dello Sport. Per l’opposizione era presente solo Angela De Vito.

Qualiano-Calvizzano. Telecamere anti-roghi, nominati i componenti della commissione di gara. I posti dove saranno installati gli “occhi magici”

Seppur con diversi mesi di ritardo rispetto al cronoprogramma previsto, va avanti il progetto intercomunale “Fire Free Land”, finalizzato all’allestimento di 22 telecamere sui territori di Qualiano e di Calvizzano. In questi giorni è stata costituita la Commissione giudicatrice che dovrà decretare il vincitore della gara d’appalto, pubblicata il 24 ottobre scorso all’Albo pretorio on line. Ne fanno parte: Ing. Nunzio Ariano (presidente), responsabile del Settore tecnico del Comune di Qualiano; ing. Salvatore Costantino (membro interno), dipendente del Comune di Qualiano; ing. Francesco Pirozzi di Parete (Caserta), in qualità di membro esperto, iscritto all’Albo nazionale dei componenti delle commissioni giudicatrici, gestito dall’ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione). Nove le imprese che hanno risposto all’invito della gara con procedura aperta, inviando i plichi entro le ore 1200 del 14 novembre 2016, termine ultimo stabilito dal bando. Ricordiamo che il procedimento viene gestito…

Calvizzano, un’ idea rivoluzionaria per farci sognare: intitoliamo la nuova villa comunale a Francesco Davide, detto “Spellicchione”

Quante volte non facciamo le cose che vorremmo per “paura” della reazione degli altri? Ecco la timidezza. Questa volta l’idea ci sembra originale e, anziché tenercela chiusa in un cassetto, lontana dagli occhi indiscreti, la lanciamo, lasciando a voi la scelta di intitolare la nuova villa comunale a chi come Francesco Davide, detto “Spellicchione”, ha vissuto una vita da “ultimo”. A Francesco la “diversità” gli è stata imposta, per questo condannato all'indifferenza e perseguitato con derisione.
E' sublime immaginarlo seduto sulla panchina della nuova villa comunale, immerso nel suo cruciverba, riposando dopo il compimento di una sua opera di arte ebanista, custodita nel luogo che ha più amato, Calvizzano.



Spellecchione” di Michele Ciccarelli
Non ho nessuno che mi rimbocchi le coperte, amico.
Cerco solo qualche spicciolo per mangiare.
Quando la piazza è vuota e sembra un’anima dolente, percorro l’immaginario tracciato dei miei pensieri.
E’ da un pezzo che busso alla tua porta, amico…

Calvizzano. Basket, spalti gremiti al PalaRaffaella per la prima di campionato

Esordio amaro per l’Audax Gaudianum al campionato di prima divisione di basket girone A. Il Giugliano si è imposto sulla squadra locale per 60 a 48. Un vero peccato, poiché a pochi minuti dalla fine la differenza tra le due compagini era di appena due punti. “Quasi alla fine del tiratissimo match – afferma Angelo Castiello, factotum dell’Audax – stavamo a meno due dagli ospiti: abbiamo, però, sbagliato troppi tiri liberi e sprecato tanto, alla fine abbiamo ceduto. Ma va bene così, poiché alla sconfitta fa da contraltare la nota positiva del riempimento del palazzetto”.   


“Peppe Zecchinetta” impazza su calvizzanoweb. Chi è costui? Uomo della verità o grande depistatore

Chi è il commentatore che si trincera dietro lo pseudonimo di Peppe Zecchinetta? Lancia continui strali e lo fa solo in vernacolo. E’ un politico? Un cittadino qualunque? Uomo della verità o depistatore. Trattasi sicuramente di un personaggio che conosce profondamente la realtà locale. Erano anni che non si verificavano due fenomeni, ora ritornati in auge: il gran numero di commenti e l’uso sfrenato dello stesso pseudonimo. Anni fa, ai tempi di calvizzanonline, l’incubo di politici e amministratori del passato era un certo “Cattivik” che smise di commentare, quando vinse le elezioni amministrative la squadra dell’ex sindaco Granata.   

'A democrazia nun funziona, pecché i cani si mangiano tra di loro si nun ce sta 'o bastone. Guagliò che vuliv discutere into cunsiglio?”. Questo è solo uno degli ultimi commenti, firmati “Peppe Zecchinetta”

A Calvizzano pure le Commissioni Pari Opportunità “falliscono”

Quella di ieri è stata una domenica di “piazza”. L’agorà è tornata al centro della scena politica, sociale e culturale. Sul marciapiede della fontanina era piazzato il gazebo dei fautori del “Sì” all’imminente referendum costituzionale del 4 dicembre, mentre su quello accanto alla chiesa di San Giacomo c’era lo stand di Angela Sarracino, la psicologa e psicoterapeuta impegnata da sempre nelle campagne di sensibilizzazione contro ogni tipo di violenza, in particolare quella a danno delle donne. “Questa volta – afferma Angela Sarracino – devo ammettere che al Comune ho trovato piena disponibilità e collaborazione da parte dell’amministrazione”. Ma la tematica sulla violenza di genere è nella sfera delle competenze della Commissione Pari Opportunità che, a distanza di oltre un anno dalla sua istituzione, ancora non si vede e non si sente. Che fine ha fatto? Fu istituita con delibera di consiglio comunale del 18 dicembre 2014, con l’intento di promuovere interventi e iniziative in campo soci…

E Calvizzano ha pensato di fare qualcosa per onorare la memoria dello scrittore Sivolella?

Giriamo la domanda alla delegata alla Cultura Flora del Prete



Dal minuto 1.50 parla Sivolella intervistato dal nostro blog, a luglio 2013, nell'aula consiliare, in occasione della premiazione dei vincitori del concorso letterario della Società Italiana di Psicologia e Sessuologia, presieduta da Angela Sarracino. In quell'occasione disse che i libri aiutano a combattere il disagio mentale    

Ricordiamo che Raffaele Sivolella, nato a Napoli il 14 settembre 1987 e morto a Calvizzano (dove ha vissuto 29 anni) il 21 settembre 2016, nella sua breve ma intensa carriera di scrittore ha dato alle stampe ben 5 libri: “Il buio nell’anima” (2010), circa 1500 copie vendute con presentazione in tutt’Italia; “La Stanza del gruppo” (2013); “Viveremorirerinascere” (dic. 2013); “Spirito Libero” (2014); “Inferno e Paradiso” (2016). Dal 2011 ha collaborato con Progetto Itaca, associazione nazionale di volontari per la salute mentale - onlus, del cui CorsoPari a Pari,da giugno 2014 è stato anche fo…

Lo scrittore Sivolella trova un po’ di “Paradiso” nell’”Inferno” di Scampia

Dedicata alla memoria di Raffaele la biblioteca dell’Alberghiero Vittorio Veneto, la scuola frequentata dai 16 protagonisti delle storie descritte nel capolavoro  “Inferno e Paradiso”, l’ultimo libro del giovane narratore-poeta scomparso recentemente




Grazie alla dirigente  Olimpia Pasolini e ai suoi validi collaboratori è stato possibile organizzare l’evento di alto valore simbolico. Aveva ragione la buonanima di Sivolella a parlar bene di lei, definendola “una donna di immensa cultura e di profonda umanità”. Ascoltatela, ne vale la pena


La consegna della targa ricordo ai genitori di Raffaele, Giovanni Sivolella e Rosanna Corrasi, è avvenuta  venerdì 25 novembre, ore 12, presso l’auditorium dell’Istituto di via Labriola a Scampia, subito dopo il convegno “Educhiamoci alla legalità” (in concomitanza con la giornata nazionale per l’educazione della legalità nelle scuole) al quale ha partecipato Angelo Forgione, storico meridionalista, autore dei libri “Made in Naples” e “Dov’è la vittori…

Marano, febbraio 1995: parte l’iter per la realizzazione della zona industriale

Il PIP (Piano per gli Insediamenti Produttivi) è un progetto che volle insistentemente l’Amministrazione Bertini, nella speranza ostinata di trasformare una città dormitorio in una città dove si lavora, dove si produce ricchezza, dove si costruisce il futuro per le nuove generazioni, dove con i 600 posti di lavoro inizialmente previsti si sarebbe potuto puntare a creare una prospettiva per quei 70 ragazzi su 100 che non hanno un lavoro e che, per averne uno, magari precario, devono mettere in programma l’idea di andarsene lontano da casa “La realizzazione dell’impianto progettuale – chiarisce Bertini -  è però passata nelle mani delle amministrazioni che si sono avvicendate al governo cittadino dopo di me e la faccenda è finita per ingarbugliarsi di brutto fino al punto che non si sa se l’area industriale potrà mai effettivamente decollare”.









L’investimento che ha fatto la città o    ha investito 4,5 milioni di euro messi nell’operazione per abbassare i prezzi e renderli più appetibili p…