Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2011

Nuova proposta di Puc, si discutono le osservazioni

Il lungo e complesso procedimento del piano urbanistico comunale va avanti a tutto spiano: con la discussione delle circa 170 osservazioni (al protocollo sono arrivate più di 200, ma molte sono state accorpate, poiché riguardano lo stesso argomento), che avverrà in consiglio comunale il 3 novembre (ore 17.00), sarà aggiunto un altro tassello per il completamento dell’iter dell’importante strumento urbanistico che, una volta approvato definitivamente, cambierà totalmente il volto della città. La maggior parte delle osservazioni che verranno discusse, sono state presentate da privati che, nella nuova proposta di Puc targata Granata, avrebbero visto, in un certo qual modo, ledere i loro diritti. Fra le tante, spicca quella inoltrata dagli abitanti del condominio “La Pineta 75” di via Aldo Moro, i quali chiedono “che il consiglio comunale prenda in considerazione la possibilità di cambiare la destinazione d’uso di un appezzamento di terreno, ubicato davanti alle loro case, per renderlo v…

Gli abitanti delle cooperative: ridateci il “verde” scippato

I cittadini della zona cooperative di via Aldo Moro, in particolare quelli che abitano nel parco La Pineta, sperano che la loro osservazione al Puc, vada a buon fine. Vogliono che quell’appezzamento, adiacente le loro case, ridiventi verde pubblico attrezzato come lo era originariamente. Nel 1998, infatti, il Comune, con delibera n.35 del 30-06, approvava, ai sensi dell’art.11 legge 43 del 93, la realizzazione di un programma teso al recupero urbano (PRU) e alla riqualificazione della zona urbanistica, inerente il piano di zona (legge 167 del 1962), conferendo l’incarico professionale per la redazione del progetto, al prof. Ing. Renato Cristiano. La realizzazione di tale piano, in conformità degli strumenti urbanistici vigenti, prevedeva, tra l’altro, la realizzazione di strutture di verde attrezzato sui suoli confinanti con il condominio La Pineta, onde evitare che la 167 restasse “solo un agglomerato di case abbandonate”. Con delibera di giunta n. 52 del 17-03-98, veniva indetta un…

Anche i consiglieri Mauriello e Scimia vogliono il verde sulla zona cooperative

I consiglieri comunali di maggioranza Antonio Mauriello e Giuseppe Scimia hanno organizzato una raccolta di firme affinché l’appezzamento di terreno, adiacente alla strada Peep e al condominio “La Pineta75”, diventi verde pubblico attrezzato e che non venga utilizzato per altre colate di cemento. Diverse decine di persone hanno apposto le loro generalità e le loro firme, sperando che possa servire a qualcosa. Sono in molti, però, a chiedersi: come mai i due navigati politici non si sono mossi prima, utilizzando lo strumento delle osservazioni al Piano urbanistico? “A me – afferma Salvatore Chianese, abitante del parco La Pineta, che si è prodigato per la raccolta delle firme, andando casa per casa – non interessa il metodo, ma il risultato, quindi ben venga l’azione politica sinergica, purché finisca una volta per sempre questo tormentone del “verde sì, verde no”, iniziato più di venti anni fa, quando sono venuto ad abitare da queste parti”.

Tensostruttura, terminati i lavori ma inutilizzabile per la scuola

Ufficialmente la tensostruttura è stata consegnata dal Comune alla scuola, ma non viene ancora utilizzata, poiché, a detta delle autorità scolastiche, mancano le varie certificazioni. “C’è un verbale di consegna – aggiunge il responsabile della sicurezza nella scuola – datato 18 agosto, ma, per noi, la struttura rimane inutilizzabile, poiché, essendo stati fatti lavori ex novo, occorrono di nuovo le varie certificazioni: quella dell’Asl, quella di collaudo tecnico, quella relativa agli impianti elettrici, quella di agibilità e di abitabilità”. Ricordiamo che la tensostruttura, opera già finanziata ai tempi dell’ex sindaco Pirozzi, è stata realizzata dall’attuale amministrazione: è ubicata nel cortile della media Polo ed è costata poco più di 100mila euro. Il comune, però, ha dovuto sborsare altri soldi per farla riparare, poiché è stata vandalizzata ben due volte. Nel mese di luglio di quest’anno è stata utilizzata per lo svolgimento dell’oratorio estivo e per la festa di fine attivi…

Elezioni consulta anziani

Domenica 6 novembre, nel centro sociali anziani, Don Crescenzo Grasso, sito in largo Caracciolo (all’interno del palazzo ducale), si svolgeranno le elezioni della consulta cittadina degli anziani. L’organismo, composto da sette membri che, a sua volta eleggerà il presidente e il vice-presidente, ha funzioni consultive e si prefigge diversi obiettivi, tra cui la promozione di politiche volte ad assicurare benessere e dignità ai vecchietti di casa nostra. Il seggio sarà aperto dalle 8.00 alle 13.00: sono ammessi a votare tutti gli iscritti (circa 200) che hanno compiuto il 60° anno di età. La consulta si riunisce in via ordinaria almeno ogni tre mesi e, in via straordinaria, se lo richiedono il sindaco l’assessore alle Politiche sociali e il Presidente del consiglio comunale. Si rinnova ogni tre anni.

Impianti sportivi, al via gli appalti per la gestione

A breve dovrebbe partire, salvo imprevisti, la gara d’appalto per la gestione del campo sportivo. “Stiamo approntando gli ultimi dettagli per la messa a punto sia del capitolato d’appalto sia del bando di gara – afferma il responsabile della segreteria dell’ufficio Affari generali, Giacinto Trinchillo, al quale, già da circa due mesi, l’amministrazione ha fornito gli indirizzi, contestualmente a quelli della gestione dei campi da tennis- Il criterio prescelto sarà quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa”.  Questo tipo di gara, a differenza di quello al massimo ribasso,  oltre al prezzo, tiene conto di altri elementi, tra cui la qualità progettuale, il pregio tecnico, eccetera.

Donata al Comune un’anfora in porcellana artistica

Ventinove telecamere contro i vandali