Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2018

Calvizzano, l’Istituto Polo fa incetta di premi

Arrivano altre grandi soddisfazioni per l’Istituto Polo: tre allieve dell'Indirizzo musicale, corso di pianoforte, direttodal maestro Pasquale Mallardo, hanno partecipato al 3° Concorso di Esecuzione Strumentale "Città di Eboli", organizzato dall’associazione A.M.E. Puccini, conquistando due primi posti e un secondo posto. I nomi:  1° classificato classi SECONDE - Isabella Di Bernardo (97 su 100)
1° classificato classi TERZE - Livia Puzzo (punteggio 96 su 100)
2° classificato classi TERZE - Giovanna Zapparella (94 su 100). Puzzo ha eseguito suonatina di Beethoven in fa maggiore e in sol maggiore; Di Bernardo ha eseguito valzer in la minore di Chopin, fantasia in re minore di Mozart; Zapparella ha eseguito suonatina in fa maggiore, opera 168 n° 1 di Diabelli e valzer di Schumann in la minore da Albumblatter;
Se avete voglia di emozionarvi, godetevi questi pochi secondi di grande musica
Livia Puzzo



Maestro Pasquale Mallardo






Calvizzano, Villa San Crescenzo in festa per i 100 anni di nonna Adele

Nonna Adele Bonardi ieri ha spento cento candeline. I festeggiamenti, per questo traguardo raggiunto in piena lucidità, sono stati veramente speciali. Gestori, personale e ospiti della Casa di riposo per anziani, Villa San Crescenzo di via Enrico Fermi a Calvizzano, non le hanno fatto mancare calore e supporto. Alle 11 di mattina, don Ciro Tufo, parroco della chiesa Santa Maria delle Grazie, ha celebrato la santa messa, di pomeriggio, invece, si è svolta la festa con lo spegnimento delle candeline e il taglio della torta. Nonna Adele è nata a Sarno (provincia di Salerno) il 30 marzo 1918, otto mesi antecedenti al termine della prima guerra mondiale. Da sposata si è trasferita a Pomigliano D’Arco dove, in seguito alla morte del marito, ha dovuto rimboccarsi le maniche e lavorare duramente per crescere cinque figli (uno è deceduto, mentre la primogenita ha quasi ottant’anni). Faceva la cuoca a casa di una signora e, per arrotondare i magri guadagni, ha fatto anche la lavandaia e la stir…

Calvizzano, Onn’ Antonio

L’amarcord di Gennaro GB Ricciardiello
Non avevo mai conosciuto l’ex sindaco Antonio Sabatino, eppure la prima relazione indiretta tra noi due risale addirittura a poche ore prima della mia nascita, cioè a poco più di 53 anni fa.
Così come nell’Italia del medio evo c’erano i guelfi e i ghibellini, a Calvizzano negli anni 60/70 c’erano i “sabatiniani” e i “revenaziani”, mio padre apparteneva alla prima fazione, anche perché lui era così democristiano, ma così democristiano che, quando una volta a Calvizzano venne il famoso e potente presidente della altrettanto potente associazione “Coltivatori Diretti”, l’ onorevole DC Arcangelo Lo Bianco, dopo aver sentito parlare mio padre, si rivolse all’orecchio di Sabatino e gli disse. “Ne, ma chist foss comunist ?”. In questo apprezzamento velatamente ironico ritrovo la mia predisposizione genetica: chi ti ama e ti rispetta veramente non ti esalta per compiacerti ma mette in evidenza i tuoi punti critici.
Mia madre, dai suoi racconti, fa risalire…

Calvizzano: le cappelle presenti nella chiesa parrocchiale di Santa Maria delle Grazie: prontuario elaborato dal gruppo di ricerca parrocchiale

Lungo la navata centrale della Chiesa dedicata a Santa Maria delle Grazie a Calvizzano sono presenti tre cappelle a sinistra ed altrettante a destra: tutte hanno subìto, nel tempo, tante di quelle trasformazioni che apparirebbero irriconoscibili a coloro che, nel lontano passato, venivano a pregare in essa. Cerchiamo, innanzitutto, di identificarle, entrando dalla porta centrale della Chiesa, prima di tracciarne qualche notizia storica, giuntaci dalle fonti remote. Le cappelle sul lato sinistro della navata centrale erano originariamente così intitolate: 1.Cappella di San Francesco di Paola 2.Cappella del Crocifisso 3.Cappella della Madonna del Santissimo Rosario Le cappelle sul lato destro della navata centrale erano originariamente così intitolate: 1.Cappella di San Filippo Neri 2.Cappella di San Gennaro 3.Cappella di Maria Annunziata Dopo aver precisato che, prima ancora che la nostra Chiesa parrocchiale cominciasse ad essere costruita e poi trasformata, così da renderla quale essa è ai no…

Raffaele Carrano, orgoglio calvizzanese: al torneo “Geometriko” conquista il titolo di campione regionale

Ancora una volta un giovane e geniale studente modello fa assurgere Calvizzano alla ribalta regionale. Raffaele Carrano, figlio di Elena Catuogno (molto conosciuta sui social per le sue coraggiose e sensate esternazioni), si è classificato al primo posto alla fase regionale del terzo torneo nazionale “Geometriko”, bandito dal centro Pristem dell’Università Bocconi di Milano con il Patrocinio della Regione Puglia. Alla fase regionale, che si è svolta presso il liceo Cartesio di Villaricca con il patrocinio del Comune, hanno partecipato 3627 alunni delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado campane. Le fasi finali si terranno in Puglia. Al giovane Raffaele, che frequenta la seconda E al liceo scientifico di Villaricca, il nostro più grande in bocca al lupo, ricordando che anche lui proviene dal glorioso Istituto Polo di Calvizzano. Torneo Nazionale "Geometriko"

Si tratta un modello didattico sperimentale che ben si integra con la didattica tradizionale. Essendo …

Calvizzano: “Spazio Tennis, luogo simbolo di un fallimento politico e amministrativo

Dopo anni di degrado, l’area ludica venne completata e  inaugurata da questa amministrazione  il 4 marzo 2015: a distanza di tre anni sta per ritornare come prima. Ma qual è il fatto più sconcertante? I due canestri, rotti dall’estate scorsa, comprati a gennaio 2018 presso la ditta Ripa Sport al prezzo di 793 euro comprensivo di iva, a tutt’oggi non sono stati ancora sostituiti. Ogni volta che interpelliamo l’assessore allo Sport, ripete come un mantra la stessa cosa: occorre  una piccola modifica ai sostegni dei tabelloni che deve fare un fabbro  



Calvizzano, saltato il capodanno 2017 in villa

Per valorizzare la villa comunale, inaugurata a giugno 2017, l’amministrazione aveva pensato di organizzare un mega evento di fine anno (“Capodanno 2017 in Villa”) nello spazio pubblico di via Pietro Nenni. Se ne doveva occupare il consigliere comunale Antonio Ferrillo. Prima il commissariamento, poi il decesso dell’ex sindaco Giuseppe Salatiello, avrebbero fatto saltare i piani. Da dove sarebbero stati presi i soldi, visto che le casse comunali piangono da tempo?Perché parliamo in ritardo di questo mancato evento.  Semplice, solo alcuni giorni fa, per pura combinazione, siamo venuti a conoscenza delle deleghe assegnate ai consiglieri comunali, attraverso un documento mai pubblicato sul sito del Comune.

Calvizzano, media Polo: riparata finestra rotta, termina la rotazione delle classi

All’Ufficio tecnico del Comune questa volta si sono mossi celermente e, a distanza di una settimana dalla segnalazione, hanno provveduto a inviare un fabbro presso la media Polo per riparare la finestra rotta. La preside, per motivi di sicurezza, aveva disposto l'inibizione dell’uso dell’aula e  l'avvio di nuovo della rotazione delle classi. Anche questa volta sono serviti i solleciti del “Comitato Mamme per la sicurezza della scuola”.

Calvizzano, illuminazione stradale: due pesi, due misure

Via San Giacomo è una strada privata e anche l’illuminazione è privata. Nella foto sopra riportata si nota che la luce del lampione, ubicato nella traversa, è accesa, mentre quella pubblica di via Garibaldi è ancora spenta.
Via Eduardo Scarpetta, invece, è una strada privata (una traversa di via Sandro Pertini che sbuca su via Eduardo De Filippo ed è sbarrata), mentre l’illuminazione, come ci hanno riferito, è pubblica. Chi paga?


A voi le conclusioni.





Calvizzano: sprechi Villaggio di Dio, “Tanto pe’ cantà”

Non ho intenzione di tornare sull’articolo, poiché penso che il contenuto sia abbastanza chiaro: non è in discussione la bella e nobile iniziativa che deve continuare a svolgersi, in quanto aggregante per i giovani, tiene impegnati diverse centinaia di bambini e ragazzi, distogliendoli dai tentacoli della strada. Punto. Gli sprechi, e ce ne sono tanti (mi riferisco anche a qualche cifra fuori mercato), oppure i passi più lunghi della gamba fatti da chi al Comune ha sempre guardato solo ed esclusivamente al consenso, non vanno bene. I commenti. Ne ho letto tanti, qualcuno sensato, altri fuori tema, come quello  della  “gallina coccodè”. Poi c'è chi spara c…e, senza neanche rendersi conto di ciò che scrive, poi cerca di rimediare, e chi prende posizione solo per stare al centro dell'attenzione. Ovviamente non mancano i soliti leoni da tastiera, i falsi moralisti, eccetera. Per queste persone non c’è replica, si rischia di sbattere contro un muro invalicabile. A costoro voglio, p…

A Calvizzano le belle notizie arrivano sempre dalla parrocchia e dalla scuola: tredicenne della media Polo in finale ai campionati internazionali di giochi matematici della Bocconi. Primo in Campania

C’è grande soddisfazione nell’ambiente scolastico per il risultato raggiunto da Agostino Napolano, studente modello dell’istituto Polo (frequenta la terza media sezione G), classificatosi al primo posto alla fase regionale del campionato internazionale di giochi matematici della Bocconi. Accede così alla fase finale che si disputerà il 12 maggio prossimo nella sede della prestigiosa Università di Milano. Erano 1200 i  partecipanti di tutte le categorie  che si sono presentati il 17 marzo all’Istituto Villari di Napoli per disputare la fase regionale del campionato, circa quattrocento quelli della categoria C2 dove  gareggiava Agostino, il quale ha sbaragliato tutti i suoi concorrenti, distaccando la seconda di ben 10 punti. L’anno scorso il piccolo genio  si classificò  al settimo posto su 666 concorrenti, dando già prova della sua predisposizione all’apprendimento della matematica. Anche il fratello di Agostino se la cava con i numeri: frequenta la prima media, sempre alla Polo, e ha …

Calvizzano, per la sostituzione di due lucchetti e 150 chiavi spesi circa 500 euro

Accadde ad aprile 2015, quando alcuni ignoti divelsero i catenacci delle sbarre metalliche di via Eduardo De Filippo, posizionate a dicembre 2013, per evitare che i soliti vandali  vi si recassero a smaltire materiale di ogni genere. Per la sostituzione dei due lucchetti e la riproduzione di 150 chiavi (da distribuire ai proprietari degli appezzamenti di terreno adiacenti al tratto di strada) venne interpellata una ditta di Qualiano.La spesa sostenuta dal Comune ammontò a 488 euro comprensiva di iva.