Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2019

Gli auguri di Calvizzanoweb e dintorni: “Felice anno nuovo”

La mission mai tradita di “calvizzanoweb”: anche nel 2020 il nostro obiettivo sarà quello di contribuire a costruire una città migliore

“Io ho un concetto etico di giornalismo. Un giornalismo fatto di verità, impedisce molte corruzioni, frena la violenza della criminalità, accelera le opere pubbliche indispensabili, pretende il funzionamento dei servizi sociali, sollecita la costante attuazione della giustizia, impone ai politici il buon governo. Se un giornale non è capace di questo si fa carico di vite umane. Un giornalista incapace, per vigliaccheria o per calcolo, della verità si porta sulla coscienza tutti i dolori che avrebbe potuto evitare, le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, le violenze, che non è stato capace di combattere”.  Giuseppe Fava
Editoriale del “Giornale del sud”, 1981
Forse non tutti si sono resi conto che avere una piazza di dialogo virtuale, di scambio di idee, di dibattito a trecentosessanta gradi su tutte le questioni politico-sociali e civili, fa sicuramente crescere il livello di una comunità, nel caso specifico di Calvizzano, dove la cultura da sempre annaspa. Calvizzano, a differen…

Calvizzanoweb: 10 anni e mezzo di informazione partigiana, ma solo ed esclusivamente al servizio dei cittadini

Da quel fatidico 2 luglio 2009, sono trascorsi  circa 10 anni e mezzo, durante i quali  abbiamo fatto un’informazione partigiana, solo ed esclusivamente al servizio dei cittadini. Abbiamo commesso tanti errori pure noi, ma solo chi non opera non sbaglia.  Abbiamo pubblicato circa 7mila200 articoli con notizie di carattere politico-amministrativo, sociale, culturale, eccetera : tanti, se si pensa di aver operato in un contesto piccolo qual è Calvizzano (senza aver trascurato il resto dell’hinterland giuglianese, con particolare riferimento a Marano e Mugnano), con un apparato politico-amministrativo ostile e completamente chiuso nei nostri confronti. Nonostante tutto, attraverso le nostre inchieste (forse gli unici da queste parti a dare ancora risalto a questo tipo di giornalismo), abbiamo contribuito a far luce su tantissime zone d’ombra. Insomma, le nostre denunce avrebbero avuto il loro peso. Tanti nostri articoli nascono da uno studio approfondito degli argomenti da sviscerare, ci…

Francesco Ferrillo, l’energia atomica nelle forme e nei colori: alcune sue opere recensite dall’artista Enzo Salatiello

Nelle vene del giovane artista scorre sangue calvizzanese-maranese


Non conosco personalmente Francesco Ferrillo, spero un giorno possa accadere. Conosco però la sua brillante creatività multiforme e poliedrica. Egli esprime attraverso un puro stile astratto, una serie di concetti e messaggi che vanno sì decodificati ma, che arrivano direttamente all’inconscio, anche senza la mediazione di una siffatta “explicatio”. Francesco, giovane ma molto attivo, ha studiato musica. La pittura e la musica astratta sono due facce della stessa medaglia, i suoni sono onde, così come la luce che dà vita al policromismo lungo tutto il suo spettro. Credo molto nell’appartenenza, sincronica tra quei soggetti che nella storia hanno creato arte a tutti i livelli. Francesco, come Kandiskij, ha studiato musica e forse, non ne sono sicuro, ma, il percorso del giovane pittore, ha imboccato la stessa direzione creativa. Egli ci racconta di movimenti e funzionalità delle forme e dei colori che impattano direttam…

Calvizzano, “Movimento Futura” e Partito democratico: l’impegno politico al servizio dei cittadini. E gli altri cosa fanno?

Ieri mattina la raccolta di firme di Movimento Futura per la sistemazione di Villa Calvisia e del Pd per un’osservazione collettiva al piano urbanistico riadottato dalla Commissione straordinaria

Il Pd con il loro gazebo in Piazza Umberto I°

Movimento Futura con il banchetto per la raccolta firme davanti all’ingresso della villa comunale. Altro appuntamento è fissato per domenica 5 gennaio in piazza Umberto I°



Le condizioni, dunque, per la nascita di un terzo polo che si contrapponga alla vecchia politica, ci sarebbero tutte. E’ solo questione di volontà.

Calvizzano, pericolo in via XXV Aprile: continuano a staccarsi blocchi di cemento dal muro esterno della scuola Diaz

La nostra segnalazione di settembre scorso non è servita a nulla. Ripetiamo. Bisogna intervenire urgentemente per evitare ulteriori danni
Breve filmato 


Calvizzano, griglia piazzale esterno edificio Diaz di nuovo otturata: l’acqua piovana non riesce a defluire

Non occorre nessuna ditta esterna per pulirla, basta mandare sul posto uno dei lavoratori socialmente utili addetti alla manutenzione: i detriti impediscono il libero deflusso dell’acqua piovana, creando grossi disagi ad alunni e genitori, perché si crea un piccolo laghetto.

"E’ Natale per tutti… Un giorno troverò un po’ d’amore anche per me…", un emozionante video pubblicato il 24 dicembre 2010

Chi l’ha visto da lassù: “Vi amerò dal cielo”

Tanta gente al presepe vivente allestito nella chiesa Santa Rita di Villaricca al confine con Calvizzano e Mugnano: stasera, dalle 19 alle 23, si replica

Tanta gente ha partecipato ieri sera al presepe vivente, allestito nel cortile della chiesa Santa Rita, ricadente nel Comune di Villaricca, ma frequentata anche dai cittadini di Calvizzano e Mugnano in quanto situata in una zona di confine. Organizzato per la prima volta dal vulcanico parroco don Giovanni Tammaro e dal dinamico vice parroco don Nicola, che ha curato gli allestimenti nei minimi dettagli, diventerà sicuramente un appuntamento consolidato.
Don Nicola

Don Giovanni, sindaco di Villaricca Maria Rosaria Punzo e assessore Francesco Guarino


Il coro parrocchiale


Natale in casa Di Mauro: una storia napoletana di due anni fa mai raccontata ma accaduta veramente!

Nel cast il poliedrico artista (attore, cabarettista, poeta) maranese-calvizzanese  Carmine Bassolillo. Nel video, scritto, diretto e interpretato dall’aspirante regista Juri Di Mauro, recitano anche Anna Merolla (attrice e cantante professionista), Peppe Metitiero (alla sua prima esperienza da attore) e Simona Schioppa  

Villaricca. Stasera e domani sera (dalle 19 alle 23) presepe vivente nella chiesa Santa Rita con costumi d’epoca, il parroco don Giovanni Tammaro: “un’esperienza per valorizzare il territorio e la parrocchia e per lanciare un messaggio cristiano del Natale“

“Il Natale ha perso un poco la sua funzione di cristianità perché in molti lo identificano solo con Babbo Natale”
Della originale iniziativa ne parlano il parroco e il suo vice don Nicola


Mugnano, oggi e domani il Presepe Vivente nel centro storico

Sarnataro: " Le iniziative per il Natale non finiscono qui: ci saranno ancora tante sorprese che accompagneranno la nostra città fino alla Befana"
Continuano gli eventi organizzati per il Natale dall'Amministrazione Sarnataro insieme alle parrocchie, associazioni e scuole del territorio. Oggi e domani sera, a partire dalle 20, le strade del centro storico faranno da scenografia al suggestivo Presepe Vivente, organizzato dalla parrocchia San Biagio con il patrocinio del Comune. "Due serate per riscoprire la bellezza del Presepe, che è il nostro vangelo domestico - spiega padre Antonio - Ad accompagnare i cittadini lungo le diverse scene, fino ad arrivare alla Natività, ci sarà Santa Chiara e San Francesco. L'obiettivo è quello di ricordare il vero senso del Natale".  Un vero e proprio spettacolo, insomma, con la regia di Aurelio Magnetti, cantato e recitato dagli adulti, i giovani e i bambini della comunità parrocchiale che daranno vita alle scene più rappres…

A Calvizzano un Natale con le strade piene di buche

A Calvizzano Babbo Natale è arrivato nella tarda mattinata: ha perso un po’ di tempo per riparare la slitta, finita in una delle tante voragini di via Mazzini, la strada che termina nei pressi della chiesa di Santa Rita. Un autentico tormento per gli automobilisti che, durante le festività natalizie, hanno percorso le strade della città. E’ pur vero che è stata bandita la gara d’appalto e che, tra febbraio- marzo, dovrebbero essere riasfaltate quasi tutte le strade cittadine, ma, nel frattempo, fate riparare quelle esistenti dalla ditta di manutenzione, cioè all’impresa Edile Stradale De Luca Salvatore di Casal di Principe che, a maggio scorso, si è aggiudicato l’appalto di manutenzione e pronto intervento delle strade comunali, per la somma di 23mila827 euro al netto del ribasso del 38,555% (14mila 611 euro) su un importo a base d’asta di 37mila896,50 euro.

Calvizzano, cambio della guardia alla locale stazione dei carabinieri

Cambio della guardia alla Stazione dei Carabinieri di via Aldo Moro: il maresciallo Pietro De Stasio subentra al maresciallo Carmelo Firetto, trasferito alla Compagnia di Marano per dirigere lalocale stazione dei militari dell’arma. De Stasio, napoletano, laureato in scienze criminologiche applicate, prima di essere dislocato a Calvizzano ha ricoperto un incarico alla Procura della Repubblica presso il Tribunale dei minorenni, mentre, dal 2011 al 2016, ha diretto la Stazione dei Carabinieri Licola, una delle periferie più a rischio dell’area puteolana, dove ha svolto un ottimo lavoro. Al neo comandante gli auguri di buon lavorodalla redazione di calvizzanoweb.

Dopo 13 anni di onorato servizio il maresciallo Firetto lascia la stazione dei Carabinieri di Calvizzano

Dal 16 dicembre scorso il maresciallo Carmelo Firetto è andato via ufficialmente da Calvizzano per assurgere  al più prestigioso incarico di comandante della Stazione di Marano, un Comune di circa 70mila abitanti, sciolto ben tre volte per infiltrazioni camorristiche. A Calvizzano si insediò il 14 dicembre 2006, quando la caserma di via Aldo Moro venne inaugurata dal sindaco dell’epoca, Giacomo Pirozzi, diventando un autentico baluardo di legalità. Non a caso, nel 2018, calvizzanoweb ha assegnato a Firetto la menzione speciale al Premio Culturale Città di Calvizzano con la seguente motivazione:  “per l’alto senso del dovere; da oltre 10 anni, dopo aver prestato servizio all’ex tenenza di Marano, comanda la locale stazione dei carabinieri, insostituibile presidio di sicurezza e baluardo a difesa delle istituzioni. Con il suo fiuto investigativo ha contribuito a scoperchiare diverse pentole del “malaffare”.   Complimenti all'Arma per la scelta fatta. Con la certezza che porterà sempr…

Auguri di Buon Natale a tutti i lettori di Calvizzanoweb e dintorni

Parrocchia San Giacomo Calvizzano, applausi a Zapparella alla messa di mezzanotte per la sua poesia “A Sera e Natale”

La poesia, classificatasi al terzo posto al concorso nazionale “Natale in rima”, con sottofondo musicale scelto dal cantautore veneziano Stefano Ronchi 


Calvizzano. Perché un video su don Ciro nel giorno della vigilia di Natale?

Rappresenta l’amore a 360 gradi e il simbolo della rinascita in termini psicologici, insomma il vero cambiamento


Per ritrovare il senso del vero Natale, è forse più utile uscire dalle logiche del consumismo e guardare ai culti più antichi. Natale è simbolo di rinascita, di cambiamento, ma anche di speranza in un futuro migliore. Proprio  quello di cui ha bisogno la nostra polis. Di un rinnovamento della classe politico-dirigenziale, poiché quella che si propone per governare la città è stata travolta dai fatti e superata dai tempi. Cosa centra don Ciro? Non vogliamo mescolare sacro e profano, ma centra eccome. La politica ci ha ridotto alla sopravvivenza, mentre, per fortuna, in paese continua a ruotare tutto intorno alla parrocchia, perché sforna iniziative in continuazione:da quando don Ciro è diventato parroco di Calvizzano, la chiesa costituisce l’unico vero punto di aggregazione. Sarà difficile sostituire un punto di riferimento per tutti: bimbi, ragazzi, giovani, adulti e anziani…

Chi ha paura del postino!

Ne ha paura chi è stato spinto verso una miseria iniqua e ha all’orizzonte un futuro incerto e di abbandono; ne ha paura chi da anni lotta per un lavoro e poche mura; ha paura chi conosce bene la strada del Banco dei Pegni; ha paura chi vive di misera pensione e carità; ha paura chi è precario ed è sempre ai limiti della sopravvivenza. Del postino ha grande paura chi è senza risorse, soggetto debole e vulnerabile, destinato sempre e comunque a perdere, al quale più che la miseria, fa male l’umiliazione.Il popolo minacciato ha poche speranze di salvezza e chi si accanisce contro di esso è lo stesso che dovrebbe condurlo da Buon Padre di Famiglia, il quale conosce bene che “all’impossibile nessuno è tenuto”: l’equità è rimasto solo un sostantivo. Ormai questo Buon Padre di Famiglia ha assunto il volto truce e patibolare del giustiziere. Chi ha paura del postino! Io tra tanti, uomo mite e mediocre.
Chi si occupa dei nuovi poveri?
Una donna di circa cinquant’anni, madre di due figli di 14 e …

Teatro Alfieri di Marano: sostituito lo spettacolo “Marito e Marito” del 29 dicembre per defezione di uno dei protagonisti: “ha preso accordi con un’altra compagnia che gli offriva più repliche”

Anche nel mondo dello spettacolo esistono gli improvvisi incidenti di percorso, l’importante e saper reagire con tempestività come hanno fatto i tre gestori del teatro Alfieri: Mario Simeoli, Antonio Furiano, Fabio Izzo. Il 29 dicembre non andrà più in scena “Marito e Marito”, lo spettacolo di Lucio Pierri e Aurelio Magnetti, inserito nel cartellone professionistico, per defezione Vincenzo Cuomo, uno dei protagonisti. L’attore ha preso accordi con un’altra compagnia che gli offriva più repliche, una delle quali prevista per il 29 dicembre. Al posto di “Marito e Marito”, dunque, verrà messa in scena “Natale in casa di Donne” (Natale in Casa Cupiello al femminile), liberamente tratto da Eduardo De Filippo, riadattamento e regia di Sarah Falanga, nota attrice teatrale e cinematografica, doppiatrice e cantante. Protagonista nel film diretto da Saverio Costanzo, tratto dalla quadrilogia di Elena Ferrante, «L’amica geniale»,
Sarah Falanga la ricordiamo come voce cantante di Marge Simpson e c…

LA GRANDE DISMISSIONE DELL”AZIENDA ITALIA” E IL MES

Il naufragio dell’Italia e il piroscafo “Britannia”

In questi giorni avete notato il fragore intorno alla discussione relativa alla riforma del trattato europeo del MES? (Meccanismo di stabilità economica) previsto dal Trattato di Lisbona”. Questo organismo è un Fondo per la stabilità economica dei Paesi dell’Area euro”. Quest’organo funziona come una banca, con i suoi tassi di interesse e condizioni, un Paese in difficoltà chiede un aiuto e questi interviene. Nulla a che vedere con la solidarietà! L’articolo 35 del MES recita: “Nell'interesse del MES, il presidente del consiglio dei governatori, i governatori e i governatori supplenti, gli amministratori, gli amministratori supplenti, nonché il direttore generale e gli altri membri del personale godono dell’immunità di giurisdizione per gli atti da loro compiuti nell'esercizio ufficiale delle loro funzioni e godono dell’inviolabilità per tutti gli atti scritti e documenti ufficiali redatti”. Una cosa inaudita e inaccettabile. A …