Passa ai contenuti principali

Marano, il leghista Baiano contro sindaco e amministrazione: “invece di aumentare le tariffe dell’acqua pensate a intensificare la lotta agli allacci abusivi e ad eliminare le perdite idriche



La nota al vetriolo

Cari amministratori locali, la città di Marano in questi mesi, così come il resto d’Italia e del Mondo, sta vivendo una situazione particolare, inusuale e mai verificatasi prima. In queste settimane sto raccogliendo numerose istanze di cittadini e segnalazioni su cose che quest’amministrazione dovrebbe chiarire quanto prima per non abbandonare a sé stessi i cittadini e farli brancolare nel buio, in particolare mi riferisco alle bollette dell’acqua: i cittadini non riescono a spiegarsi perché l’ammontare da pagare risulti essere così alto, non tutti seguono le dinamiche del consiglio comunale e quindi non sanno che il nostro ‘’carissimo Assessore Nobler’’ ha ben pensato di aumentare le tariffe dei tributi portandole agli importi massimi. Inviterei chi di dovere a rasserenare quanto prima i maranesi, soprattutto in questa fase in cui è veramente difficile mettere persino il piatto a tavola, prevedendo maggiore flessibilità nel pagamento delle bollette dando loro la possibilità di dilazionare in più rate l’ammontare dei tributi. Ricorderei all’amministrazione che la soluzione non è quella di aumentare ogni anno le tariffe ma arginando il problema alla fonte, ovvero combattendo gli allacci abusivi e le perdite d’acqua che si verificano a causa del nostro inadeguato e vecchio acquedotto. Lo stesso vale per la TARI (tassa sui rifiuti) che ogni anno aumenta sempre di più poiché il tasso di riciclaggio dei rifiuti è ancora troppo basso, nel 2018 era pari al 33.84%, nel 2017 addirittura era al 35,1%, quindi ogni anno invece di incrementare le percentuali esse diminuiscono arrecando un danno alle tasche di noi cittadini. Comprendo che il Sindaco non ha particolarmente a cuore questa problematica così come la gran parte degli Assessori visto che sono residenti in altri comuni e pagano le tasse in altri comuni, noi invece ci teniamo e vorremmo più trasparenza e aggiornamenti costanti sulle percentuali dei rifiuti differenziati. Se la situazione non dovesse migliorare di certo non sarà colpa di chi c’era prima o del dissesto finanziario bensì della vostra incompetenza e incapacità. Sindaco la smetta con le sue mille interviste dove non dice mai nulla di serio e di interessante per la città, solo annunci privi di senso, per una volta comunichi ai cittadini cose serie evitando che in questi giorni l’ufficio acquedotto venga preso d’assalto perché in molti vorrebbero delle spiegazioni in merito ai salassi che quest’amministrazione gli ha notificato, ci troviamo in una situazione sanitaria in cui non possiamo permettere che si creino assembramenti o proteste di massa presso gli uffici comunali, ogni tanto sia concreto, anche a tutela dei dipendenti. Marano necessità di un’amministrazione seria che sappia dove intervenire senza scaricare le colpe a destra e a manca, ora ci siete voi al governo della città iniziate a lavorare piuttosto che spartirvi gli assessorati, sembra essere l’unica cosa che vi interessa.

Comunicato stampa


Commenti

Post popolari in questo blog

Coronavirus: ipotesi di trattamento con immunoglobuline, alternativa al vaccino

“Ma chi di noi si sottoporrebbe ad un vaccino che potrebbe rivelarsi un cavallo di Troia, oltretutto di dubbia efficacia? L’immunologia, invece, presuppone una visione olistica della malattia e che, proprio nella sua complessità di sistema, potrebbe aprire più opportunità” Dal Dott. Pietro Gagliardi (abita a Marano ma è molto conosciuto nei Comuni del  comprensorio giuglianese e dell'agro aversano), otorinolaringoiatra, dirigente medico presso l’Ospedale San Giuseppe Moscati di Aversa, riceviamo e pubblichiamo

“C’è una crepa in ogni cosa. Ed è da lì che entra la luce.” Anthem (Leonard Cohen)Tema di conversazione attuale: «Hai udito di quel farmaco? In Australia funziona. E di quell’altro in Giappone? Meglio ancora. E i test in Francia? Straordinari».Cosi sopravviviamo nell’attesa compulsiva e angosciante per la pastiglia o l’iniezione che metterà ko il virus. Ma, tra le speranze di noi tutti e il prodotto finale, c’è di mezzo una lunga catena di sperimentazioni: l’AIFA (Agenzia Ital…