Passa ai contenuti principali

Se i carabinieri andranno via da Calvizzano la colpa va ascritta agli ex amministratori: in quattro anni e mezzo di consiliatura non sono riusciti a "costruire” la Caserma



Avevano il tempo e il luogo per poterla realizzare e pure i soldi, ma li  hanno sprecati. E ora molti degli ex amministratori  hanno anche il coraggio di ricandidarsi alle prossime amministrative? In un paese normale una cosa del genere non accadrebbe. E questo è solo uno dei tanti impegni non mantenuti

In via Aldo Moro costruiamo la Caserma dei Carabinieri” è scritto al punto 10 dei 16 impegni del programma elettorale dell’ex amministrazione che ha governato la città fino allo scioglimento comunale. Ebbene in quattro anni e mezzo non sono riusciti neanche a produrre un atto di indirizzo e ora c’è il concreto rischio che i carabinieri, che dal 14 dicembre 2006 alloggiano nei locali di un parco di via Aldo Moro, vadano via definitivamente da Calvizzano.
E’ finito il momento di temporeggiare – è scritto a pag. 12 del programma elettorale della lista Salatiello per Calvizzano -, ora ci vogliono provvedimenti forti, che colpiscano al cuore il problema. Siamo sempre più consapevoli del grande lavoro, che le Forze dell’Ordine e i Carabinieri, in particolare, già oggi svolgono nel nostro paese.
La costruzione della Caserma dei Carabinieri comporterà un notevole aumento non solo della percezione ma della effettiva e concreta sicurezza dei cittadini. Abbiamo individuato la zona per la costruzione della Caserma dei Carabinieri. Cambieremo la destinazione urbanistica del terreno di proprietà comunale ubicato in via Aldo Moro (accanto al parcheggio costato circa 100mila euro e mai utilizzato, ndr) in “Zona Servizi Urbani-Caserma Carabinieri”.
Autorizzeremo la cessione gratuita in favore del Demanio Civile dello Stato, del suolo, per la costruzione della Caserma dei Carabinieri”.     


Adesso sicuramente verrà fuori il solito moralista che scriverà su qualche profilo social, “non parliamo di chi non c’è più”. No, noi parliamo di quelli che ci sono ed hanno svolto sia il ruolo di consiglieri di maggioranza che di assessori, senza preoccuparsi minimamente che Calvizzano aveva bisogno di una Caserma dei Carabinieri, perché se ne parla da anni e perché stava scritto nel loro programma elettorale con il quale si sono presentati a casa dei cittadini. Anche gli oppositori, quelli che hanno messo piede raramente nell’aula consiliare e  quelli che hanno avuto il coraggio di restare a combattere, hanno in minima parte le loro colpe. Nel frattempo, a distanza di un anno dallo “sfratto”, avvenuto solo sulla carta, non sono stati ancora individuati i nuovi locali, perciò Calvizzano rischia di perdere i Carabinieri dopo aver fatto tanto per farli ritornare nel 2006.    


Commenti

  1. Gli amministratori che hanno amministrato Calvizzano fino ad oggi, buona parte sempre gli stessi personaggi........... che hanno portato allo stallo questo paese pensando solo ai miseri interessi personali, per 40 anni non sono stati buoni a fare un piano regolatore (PUC), penalizzando fortemente lo sviluppo del paese, ringrazio i commissari e mi auguro e auguro a tutti i Calvizzanesi che i Commissari chiudono il procedimento e quanto prima i Cittadini possono realizzare.
    Grazie ai Commissari se nn era per voi questo paese in mano a questi pseudo amministratori Calvizzano ad oggi era ancora senza PUC. grazie.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Calvizzano, 9 i casi di positività al Covid-19 ma c’è il rischio che aumentino ancora

Stamane attraverso il nostro blog annunciavamo il nono caso di positività al Covid-19: si tratta di un operatore sanitario che è stato in contatto con altre 11 persone che, in giornata, verranno sottoposti a tampone da parte dell’Asl. Persone che, a loro volta, hanno avuto altri contatti…. Il nono soggetto positivo al coronavirus è asintomatico:  responsabilmente ha sentito il dovere di contattare il parroco don Ciro per far lanciare un messaggio a coloro che stanno prendendo sottogamba la situazione e vanno ancora in giro senza mascherine e senza rispettare la distanza sociale. Insomma, proprio quello che scrivevamo stamane nell’articolo. Per quanto concerne gli altri 8 casi, solo uno è guarito, gli altri aspettano il risultato del secondo tampone.