Passa ai contenuti principali

Rifinanziato il fondo di solidarietà alimentare per i Comuni: “ora date priorità agli indigenti esclusi dalla prima fase dei buoni spesa”



Ammonta a 400 milioni il reintegro dell’apposito fondo da ripartire tra i Comuni., finalizzato all’erogazione dei buoni pasto e derrate alimentari a favore dei soggetti deboli individuati in collaborazione con i servizi sociali. Questo quanto previsto dal Dl rilancio che richiama nei contenuti l’ordinanza del Dipartimento  Protezione civile 658/2020 che aveva stabilito uno stanziamento iniziale di 400 milioni di euro a titolo di anticipazione, nelle more del successivo reintegro con provvedimento legislativo.
Il Dl rilancio, dunque, conferma quindi il sostegno ai Comuni che hanno avviato le misure di solidarietà nella prima fase dell’emergenza a fronte della grave crisi di liquidità che ha colpito i cittadini. Resta fermo, in base a quanto già previsto dall’ordinanza, la possibilità di incrementare le risorse tramite donazioni su conti correnti dedicati alle quali potranno applicarsi le detrazioni e le deduzioni per le erogazioni libere legate all’emergenza Covid (art. 66 del Dl 18/20).  La speranza è che questa volta, sulla scorta dell’esperienza acquisita, venga data priorità agli indigenti esclusi dalla prima fase dei buoni spesa.


Commenti

Post popolari in questo blog

Calvizzano, 9 i casi di positività al Covid-19 ma c’è il rischio che aumentino ancora

Stamane attraverso il nostro blog annunciavamo il nono caso di positività al Covid-19: si tratta di un operatore sanitario che è stato in contatto con altre 11 persone che, in giornata, verranno sottoposti a tampone da parte dell’Asl. Persone che, a loro volta, hanno avuto altri contatti…. Il nono soggetto positivo al coronavirus è asintomatico:  responsabilmente ha sentito il dovere di contattare il parroco don Ciro per far lanciare un messaggio a coloro che stanno prendendo sottogamba la situazione e vanno ancora in giro senza mascherine e senza rispettare la distanza sociale. Insomma, proprio quello che scrivevamo stamane nell’articolo. Per quanto concerne gli altri 8 casi, solo uno è guarito, gli altri aspettano il risultato del secondo tampone.