Passa ai contenuti principali

A Natale siamo tutti più buoni…



Avremmo voluto scrivere tante cose: dei diversi dipendenti comunali (di ogni ordine e grado) che hanno scambiato il comune per il paese di Bengodi, di quelli che lavorano poco ed escono sia dalle loro stanze sia dall’androne del Comune quando vogliono ed arrivano sul luogo di lavoro, sempre quando vogliono. Per la maggior parte, guarda  caso, sono tutti anti Granata: forse perché il sindaco è un gran lavoratore? Avremmo voluto scrivere della situazione politica e del lavoro sottobanco di alcuni alleati della maggioranza; avremmo voluto scrivere del servizio civile e della lettera di Salatiello inviata al sindaco, per rendere conto che il sistema politico è sempre lo stesso; avremmo voluto scrivere qualcosa sulla caduta di stile della preside dell’Istituto Polo, manifestata nei confronti del direttore de l’attesa, perché non avrebbe gradito un articolo sulla scuola (sarebbe il primo dopo quattro anni di pezzi a suo favore); avremmo voluto scrivere qualcosa su un episodio di malcostume accaduto a due consiglieri comunali, dove la deontologia professionale è stata completamente calpestata. Potremmo continuare, ma preferiamo glissare su tutto, poiché si avvicina Natale e siamo tutti più buoni.       

Commenti

  1. il sibillinismo del tuo articolo non fa parte di questo sito. Le cose che un giornalista viene a sapere le deve dire altrimenti tutto è inutile.

    RispondiElimina
  2. il sol pensiero che sarà l'ultimo natale di granata sindaco,ci deve rendere tutti.....piu' buoni!!!!!

    RispondiElimina
  3. Sindaco non aver paura l'opposizione e' pronta a salvarti...

    RispondiElimina
  4. Mi riesce difficile capire i responsabili del blog; se come dice il commento precedente si è a conoscenza di alcuni fatti, perchè, visto che questo blog è per la verità e per la conoscenza di quello che succede sia nell'amministrazione che nel paese, non si devono dire quello che sibillinamente viene detto e non detto. chi sono i lavoratori pagati dalla comunità che escono ed entrano nel palazzo senza permessi e non lavorano? e perchè l'amministrazione non prende provvedimenti? Il servizio civile al quale tanti giovani aspirano, è veramente manomesso a favore di pochi amici e a discapito di tanti giovani preparati? dire i nomi dei politici coinvolti!! Qual'è l'episodio di malcostume verificatosi a due consiglieri? Un giornalista deve dire tutto e non aver paura di niene!!! Siani insegna.

    RispondiElimina
  5. e...la lettera di SALATIELLO al sindaco a cosa si riferiva?

    RispondiElimina
  6. a natale siamo tutti più buoni è evidente che lo racconterà poi in seguito....sempre fastidiosi e senza senso...

    RispondiElimina
  7. Parli Rosiello parli.

    RispondiElimina
  8. AUGURI AL DIRETTORE

    RispondiElimina
  9. i dipendenti di cui rosiello parla, sono sicuramente antigranata, ma il signore omette di dire che essi hanno comunque votato e fatto votare granata visto che sono salatielliani doc... e ne siamo fieri!

    RispondiElimina
  10. siamo gli stessi che abbiamo mandato a casa pirozzi e questo e' convenuto a granata.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Verso le amministrative a Calvizzano, Giacomo Pirozzi: “visto il livello di coloro che si avvicinano alla candidatura di Primo cittadino, do ragione a chi mi ha riproposto come sindaco del nostro paese”

Dall’ex Primo cittadino nonché candidato sindaco alle prossime amministrative riceviamo e pubblichiamo  
Leggo e Rispondo. Potrebbe sembrare il titolo di una rubrica giornalistica, ma è solo ciò che sono costretto a fare ogni volta che leggo falsità sul mio conto; infatti come ripete spesso il mio amico Mario Salatiello: una bugia più volte ripetuta, può diventare realtà, è giusto, dunque, che io intervenga per ristabilire la verità. In primis, vorrei ricordare a chi scrive di me, pur non conoscendomi, quella che è la mia storia politica: nasco “politicamente” nell’Azione Cattolica, dove ho militato fin da piccolo (scuole elementari). Nel periodo post pubertà, spinto dal compianto parroco Don Peppino Cerullo, entrai nelle file della Democrazia Cristiana, visto che all’epoca questo passaggio era quasi spontaneo, come lo era a sinistra dall’Arci al Pci. Entrai a far parte di quella gloriosa Democrazia Cristiana, i cui pilastri ideologici, andavano da Don Sturzo a De Gasperi, da G. La Pira …