Passa ai contenuti principali

“Torno da Turista” del calvizzanese Ciccarelli vince il premio letterario “Books for Peace”


Continuano ad arrivare soddisfazioni per Fabrizio Ciccarelli, lo scrittore calvizzanese trasferitosi da alcuni mesi a Rimini per motivi di lavoro. A distanza di un anno dalla pubblicazione del libro “Torno da Turista” gli è stato comunicato che la sua opera si è classificata al primo posto del premio letterario “Books for Peace 2017”, organizzato dall’Ordine Cavalleresco San Sebastiano e FUNVIC (membro Unesco).
Ciccarelli andrà personalmente a ritirare l’ambito trofeo (consistente in un diploma con cornice in legno) alla cerimonia di premiazione che si svolgerà il 16 settembre prossimo ad Aprilia in provincia di Roma.
Insomma, il nostro ex concittadino, rimasto affezionato alla sua Calvizzano, continua a darci belle gratificazioni:  l’anno scorso risultò tra i vincitori della decima “Edizione Concorso Nazionale di poesia città di San Giorgio a Cremano”, organizzato dall’associazione artistico-culturale “Talenti Vesuviani”, con la poesia dedicata al grande Massimo Troisi intitolata “Il Paradiso non poteva attendere” . La cerimonia di premiazione si svolse l’11 dicembre 2016 presso la biblioteca comunale “Villa Bruno” di San Giorgio a Cremano, sita in via Cavalli di Bronzo, 20.



Commenti

Post popolari in questo blog

Verso le amministrative a Calvizzano, Giacomo Pirozzi: “visto il livello di coloro che si avvicinano alla candidatura di Primo cittadino, do ragione a chi mi ha riproposto come sindaco del nostro paese”

Dall’ex Primo cittadino nonché candidato sindaco alle prossime amministrative riceviamo e pubblichiamo  
Leggo e Rispondo. Potrebbe sembrare il titolo di una rubrica giornalistica, ma è solo ciò che sono costretto a fare ogni volta che leggo falsità sul mio conto; infatti come ripete spesso il mio amico Mario Salatiello: una bugia più volte ripetuta, può diventare realtà, è giusto, dunque, che io intervenga per ristabilire la verità. In primis, vorrei ricordare a chi scrive di me, pur non conoscendomi, quella che è la mia storia politica: nasco “politicamente” nell’Azione Cattolica, dove ho militato fin da piccolo (scuole elementari). Nel periodo post pubertà, spinto dal compianto parroco Don Peppino Cerullo, entrai nelle file della Democrazia Cristiana, visto che all’epoca questo passaggio era quasi spontaneo, come lo era a sinistra dall’Arci al Pci. Entrai a far parte di quella gloriosa Democrazia Cristiana, i cui pilastri ideologici, andavano da Don Sturzo a De Gasperi, da G. La Pira …