Passa ai contenuti principali

Mugnano. Fase 2, il sindaco scrive a Poste Italiane: "Troppi assembramenti all'esterno dell'ufficio, riaprire anche il pomeriggio"

Foto repertorio

Fase 2, il sindaco scrive a Poste Italiane: "Troppi assembramenti all'esterno dell'ufficio, riaprire anche il pomeriggio". Due le  missive scritte in pochi giorni dal primo cittadino Luigi Sarnataro alla dirigenza di Poste per far fronte ai numerosi disagi che quotidianamente vivono i cittadini, costretti ad ore ed ore di fila per svolgere le operazioni, creando continuamente affollamenti all'esterno dell'ufficio di via San Lorenzo. "Ho chiesto a Poste Italiane di riaprire tutti gli sportelli e soprattutto di predisporre la riapertura pomeridiana - spiega Sarnataro - Soltanto così si potranno velocizzare le operazioni e di conseguenza evitare file e caos nello spazio antistante l'ingresso. Va bene tutelare i dipendenti che ovviamente devono lavorare in sicurezza, ma va tutelata anche l'utenza. Se non si riesce a garantire la distanza di sicurezza di almeno un metro tra i vari operatori, a maggior ragione bisogna farli alternare e aprire anche il pomeriggio. È inconcepibile che nel nostro comune, dove abbiamo fatto di tutto per contenere il contagio da Covid-19, dobbiamo assistere quotidianamente ad assembramenti, che mettono a rischio la salute di tutti, perché la dirigenza di poste italiane non è riuscita ancora a riorganizzare gli spazi nei propri uffici così da far rientrare a lavoro tutti i dipendenti e tornare a servire in modo efficiente i cittadini".

Comunicato stampa

Commenti

Post popolari in questo blog

Calvizzano, 9 i casi di positività al Covid-19 ma c’è il rischio che aumentino ancora

Stamane attraverso il nostro blog annunciavamo il nono caso di positività al Covid-19: si tratta di un operatore sanitario che è stato in contatto con altre 11 persone che, in giornata, verranno sottoposti a tampone da parte dell’Asl. Persone che, a loro volta, hanno avuto altri contatti…. Il nono soggetto positivo al coronavirus è asintomatico:  responsabilmente ha sentito il dovere di contattare il parroco don Ciro per far lanciare un messaggio a coloro che stanno prendendo sottogamba la situazione e vanno ancora in giro senza mascherine e senza rispettare la distanza sociale. Insomma, proprio quello che scrivevamo stamane nell’articolo. Per quanto concerne gli altri 8 casi, solo uno è guarito, gli altri aspettano il risultato del secondo tampone.