Passa ai contenuti principali

“L’ammore che d’è”, arriva un nuovo riconoscimento al poeta-scrittore calvizzanese Fabrizio Ciccarelli


Menzione d’onore al Premio Nazionale di Poesia Patrizio Graziani




Qualcuno si chiede l’amore cosa sia e volendo seguire la filosofia potremmo definirla come figlia di Poros, Dio dell’espediente o per meglio dire, dell’arte di arrangiarsi e di sua madre Penìa, la povertà. Quest’ultima, vedendo Poros che aveva esagerato nel bere al banchetto che diedero sull’Olimpo per festeggiare la nascita di Afrodite, pensò bene di approfittarne per migliorare la sua sorte e così nacque l’amore.
L’autore di pluripremiate poesie Fabrizio Ciccarelli si è chiesto l’amore vero cos’è, e cercando le risposte, ci ha regalato un’altra sua creazione che ha meritato una menzione d’onore al premio nazionale di poesia “Patrizio Graziani” svoltosi a Gioia dei Marsi – L’Aquila patrocinato dal Comune, dalla Provincia e dalla Presidenza del Consiglio Regionale d’Abruzzo.

Fabrizio Ciccarelli dopo l’esordio con il suo libro “Torno da Turista” ha ricevuto riconoscimenti notevoli che hanno inaugurato l’inizio di una brillante carriera da scrittore. Lo stesso libro, pubblicato nel 2016, ha vinto il premio letterario “Books for Peace 2017” - sezione saggistica. Una sua poesia “Il Paradiso non Poteva Attendere”è stata premiata alla X Edizione del Concorso Nazionale di Poesia Città di San Giorgio a Cremano, ed un’altra sua poesia, intitolata “Terra Mia”, è entrata a far parte di un’antologia tutta dedicata al famigerato festival poetico nazionale “Il Federiciano”. La poesia ha avuto il merito di essere stata l’unica in lingua napoletana pubblicata nella collezione.
«È importante far arrivare la lingua napoletana ovunque» sostiene il poeta Fabrizio Ciccarelli e continua asserendo: «Questa lingua sta trascendendo in un dialetto che si tenta di scrivere come lo si pronuncia, senza regole di sintassi. La lingua napoletana è piena di queste regole corredate da una fonetica espressiva. Per salvare questa nostra lingua bisogna leggere molto e farlo in napoletano. Consiglio a tutti i lettori di cominciare a leggere i classici napoletani».




L’ammore che d’è
di Fabrizio Ciccarelli

20 febbraio 2017


L’ammore che d’è?
Scusate, quaccherùno sapesse
l’ammore ovèro che d’è?

Ce stà chi dice ca è figlio da puvertà
e de l’arte d’arrangià.
Ce stà chi invece crede
ca l’ammore schioppa all’intrasàtto:
comme nu sciùrillo che addeventa sciòre
senza maje essere semmenato.

Nunè ovèro pecchè l’ammore, ‘o seme, ò tene già: è ‘o core;
e‘a capa ca chesto nun ‘o sape,
nun se po’ ‘nnammurà
pecchè l’ammore nun tene ragione, nun cunosce raziunalìtà.

L’ammore ca te fà felice pure si ‘e vote nun è, chi t’ò dà?
L’ammore nun vò avè.

L’ammore nun vò manco ‘a gelusia
se pò nun cunquista chello ca tene già.

L’ammore ovèro è chillo ingenuo,
spenziaràto, sempe giovane;
perciò ‘o prìmmo ammore nun se scorda maje!

L’ammore ovèro è stànzieme tutta ’a vita
senza maje suppurtà.




Commenti

Post popolari in questo blog

Verso le amministrative a Calvizzano, Giacomo Pirozzi: “visto il livello di coloro che si avvicinano alla candidatura di Primo cittadino, do ragione a chi mi ha riproposto come sindaco del nostro paese”

Dall’ex Primo cittadino nonché candidato sindaco alle prossime amministrative riceviamo e pubblichiamo  
Leggo e Rispondo. Potrebbe sembrare il titolo di una rubrica giornalistica, ma è solo ciò che sono costretto a fare ogni volta che leggo falsità sul mio conto; infatti come ripete spesso il mio amico Mario Salatiello: una bugia più volte ripetuta, può diventare realtà, è giusto, dunque, che io intervenga per ristabilire la verità. In primis, vorrei ricordare a chi scrive di me, pur non conoscendomi, quella che è la mia storia politica: nasco “politicamente” nell’Azione Cattolica, dove ho militato fin da piccolo (scuole elementari). Nel periodo post pubertà, spinto dal compianto parroco Don Peppino Cerullo, entrai nelle file della Democrazia Cristiana, visto che all’epoca questo passaggio era quasi spontaneo, come lo era a sinistra dall’Arci al Pci. Entrai a far parte di quella gloriosa Democrazia Cristiana, i cui pilastri ideologici, andavano da Don Sturzo a De Gasperi, da G. La Pira …