Passa ai contenuti principali

Maggio, un mese ricco di eventi e incontri per la scrittrice Lella Di Marino


Si è concluso felicemente il tour di Lella Di Marino che, nel mese di maggio, l'ha vista girare alcune città d'Italia.
Il primo incontro si è svolto all'Aquila, precisamente al liceo musicale "Cotugno", dove la scrittrice calvizzanese che vive da diversi anni a Brescia  è stata accolta con entusiasmo da alunni e insegnanti.
Una mattinata trascorsa parlando sia del progetto "Educare a sognare"che dell'ode "A te", scritta in ricordo delle vittime del terremoto e anche musicata. Momento di intense emozioni vissute dalla Di Marino che non è riuscita a trattenere le lacrime, quando un gruppo di alunni ha iniziato a suonare le prime note della musica composta apposta per l'ode da lei scritta.
"Cercavo di trattenere l'emozione – afferma l’artista - ma non ce l’ho fatta. Mentre le note incalzavano, ho dimenticato persino di essere io l'autrice della poesia.
E' stato anche un incontro che mi ha riservato diverse sorprese. Innanzitutto, con la professoressa Alessia Onofri, organizzatrice dell’evento che ho conosciuto virtualmente, dopodiché  si è presentata l’opportunità di abbracciarla fisicamente; successivamente con l'artista aquilano, Mimmo Emanuele, inaspettatamente presente”.
Emanuele, a coronamento dell’incontro, ha regalato alla Di Marino una sua opera in edizione limitata. Mimmo sarà l'artista che curerà la copertina del libro "LA QUI LA” Ma le sorprese non sono finite: alla Di Marino è stato regalato lo spartito originale dell'ode, firmato dalla professoressa di composizione, Marzia Ippoliti, e dagli alunni che l'hanno composta. Presto ne diverrà un video che sarà postato su youtube.
 In giornata, poi, Di Marino si è recata a Onna, paese raso al suolo dal terremoto, per cercare di capire cosa potesse scrivere nel suo libro e che non fosse già stato scritto.
"E' stata una visita col groppo in gola - continua -: non avrei mai creduto di trovare uno spettacolo del genere. Mi è stato molto utile, però, in quanto ora so cosa descrivere."
Il giorno dopo è avvenuta la consegna al sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, del ricavato della cena di beneficenza per l'Abruzzo, fatta all'Istituto Mantegna di Brescia.
La Di Marino è stata onorata con la consegna, da parte del sindaco, dell'”Antico Sigillo della città dell'Aquila”.
"Ero senza parole – aggiunge -: mi sembrava di sognare, specialmente quando il sindaco  Cialente  ha tenuto a precisare che il Sigillo non lo dona a tutti.
Sono partita dall'Aquila con il cuore pieno di gioia ed anche con un po’ di malinconia, ma presto ritornerò per presentare il mio nuovo libro e lo farò ancora al liceo Cotugno, dove i ragazzi non vedono l'ora di comporre ancora qualcosa”.
All'evento di Vasto, invece,  per esplicita richiesta dell'organizzatrice, Anna Maria Orsini, è stato presentato l’ultimo romanzo della Di Marino, "Un amore eterno".
E’ stato evento di grosso spessore al quale hanno preso parte  persone di cultura, in una location molto suggestiva: la" Torre Diomede del Moro.
Dulcis in fundo, la recente presentazione della fiaba"Isabella e la dea del lago" a Sulzano sul lago d'Iseo con la Junior band.
“E' stata una cosa nuova per me – conclude Di Marino – che, pur amando la musica, non sono una grande esperta. Questa fiaba è stata scritta introducendo gli strumenti musicali in modo tale che la banda potesse interagire. Un'esperienza conclusasi felicemente alla presenza del sindaco Paola Pezzotti”.





Commenti

Post popolari in questo blog

Calvizzano, 9 i casi di positività al Covid-19 ma c’è il rischio che aumentino ancora

Stamane attraverso il nostro blog annunciavamo il nono caso di positività al Covid-19: si tratta di un operatore sanitario che è stato in contatto con altre 11 persone che, in giornata, verranno sottoposti a tampone da parte dell’Asl. Persone che, a loro volta, hanno avuto altri contatti…. Il nono soggetto positivo al coronavirus è asintomatico:  responsabilmente ha sentito il dovere di contattare il parroco don Ciro per far lanciare un messaggio a coloro che stanno prendendo sottogamba la situazione e vanno ancora in giro senza mascherine e senza rispettare la distanza sociale. Insomma, proprio quello che scrivevamo stamane nell’articolo. Per quanto concerne gli altri 8 casi, solo uno è guarito, gli altri aspettano il risultato del secondo tampone.