Passa ai contenuti principali

A Marano specializzati nel perdere fondi, nell’area via Sconditi-via Baracca era previsto un istituto superiore già finanziato: si era giunti quasi in dirittura d’arrivo poi è sfumato tutto



Il finanziamento stanziato dall’ex Provincia venne annunciato con una massiccia affissione muraria dall’ex assessore provinciale Corrado Gabriele e dall’ex consigliere provinciale Biagio Iacolare     

Il passato serve per comprendere il presente e il futuro: la triste storia dell'Istituto superiore perso

La storia del famigerato Istituto di scuola superiore da realizzare ex novo tra Marano e Calvizzano iniziò a novembre 2004, quando l’opera pubblica fu finanziata dalla Provincia. Con un manifesto diffuso in città, Corrado Gabriele, all’epoca assessore provinciale, e Biagio Iacolare, in quel periodo già consigliere provinciale, annunciarono alla città che il Consiglio provinciale di Napoli, dietro loro interessamento, aveva stanziato 6 milioni e mezzo di euro per la realizzazione della nuova sede del Liceo scientifico Segrè. Politici, cittadini e, soprattutto, studenti e professori, accolsero con grande entusiasmo la notizia. Fu individuata anche la zona dove realizzarlo: un ampio appezzamento di terreno ubicato tra via Sconditi (accanto al Centro Aktis) e via Baracca ai confini con Calvizzano.
Non è colpa mia – rispose Iacolare  al cronista del giornale l’attesa che, nel 2008, gli chiese quali fossero i motivi dei gravi ritardi – La mia parte l’ho fatta fino in fondo: sono stati gli amministratori comunali che si sono succeduti in questi anni a non aver fatto il loro dovere. I tecnici della Provincia hanno sollecitato continuamente il Comune di Marano a svolgere la parte di loro competenza, ma non hanno avuto mai risposta”.
Bisognava, infatti, approvare in Consiglio comunale una variante urbanistica, un atto propedeutico di estrema importanza che fu poi prodotto durante gli ultimi anni di amministrazione Perrotta (2006-2011).
Da quando mi è stato affidato il duplice compito di progettista e direttore dei lavori del costruendo Istituto superiore – affermò nel 2012 l’ingegnere Antonio Abbate, in quel periodo dipendente part time, ma a tempo indeterminato della Provincia (settore Urbanistica), con la qualifica di funzionario amministrativo – subito mi sono attivato per accelerare l’iter burocratico. Il progetto preliminare è stato già varato; adesso, insieme ad altri due valenti architetti, stiamo completando la redazione del progetto definitivo che dovrebbe essere approvato in giunta entro fine anno. Dopodichè, se si decidesse di procedere con un appalto integrato (in questo caso alla ditta vincitrice compete anche il compito di redigere il progetto esecutivo cantierabile ndr), la procedura sarà più spedita, per cui la gara potrebbe partire nei primi mesi dell’anno, altrimenti, al più tardi, si arriverà a primavera 2013. Nel contempo è stata pure attivata la procedura espropriativa”.
Insomma, il professionista fece intendere che, dopo otto anni di ritardi, forse era giunta la volta buona per arrivare spediti in dirittura d’arrivo.
Io – aggiunse Abbate –  oltre ad espletare gli incarichi tecnici, abito a Marano, ma sono calvizzanese di origini, essendo nato a pochi passi dal costruendo istituto, per cui, al di là dell’impegno professionale, sono motivato da ragioni geografiche e di cuore, quindi nessuno più di me è interessato affinché la scuola venga al più presto completata. Insieme all’ingegnere Gaudino, responsabile unico del procedimento – precisò - abbiamo inviato una lettera al Commissario straordinario (il prefetto Gabriella Tramonti, chiamata a governare Marano in seguito alle dimissioni del sindaco Mario Cavallo, ndr) innanzitutto per informarla sulla procedura che sta andando avanti speditamente, ma anche per farla attivare a realizzare una nuova strada, che è fondamentale  ai fini del raggiungimento dell'obiettivo e per evitare gravi problemi al traffico cittadino, poiché sia via Sconditi che via Baracca, attuali vie d’accesso, sono due stradine strettissime e percorribili solo a senso unico. Va costruita una nuova strada, parallela a via Lazio, che andrebbe a collegare via Baracca con via Sconditi, dividendo il futuro parco urbano dalla nuova scuola”.
Il parco Urbano, opera prevista nell’ambito del programma Più Europa, non venne più realizzato. Nel frattempo subentrò l’amministrazione Liccardo, ma per due anni non si parlò più del nuovo liceo. Poi il 2 novembre 2015, attraverso il sito istituzionale, venne diramato un comunicato stampa nel quale si informava la popolazione che Marano era stata accreditata per un considerevole finanziamento di 10milioni300mila euro, stanziati dalla Città Metropolitana, per il nuovo edificio scolastico. Nonostante tutto, c’è chi all’epoca era disposto a scommettere che la nuova opera non si sarebbe mai fatta, poiché sarebbero stati compromessi diversi interessi.    
Insomma, nonostante tutti i ritardi si era giunti quasi in dirittura d’arrivo: era imminente la pubblicazione della gara d’appalto, poi all’improvviso di nuovo il buio.
All’epoca si vociferava che le opere sarebbero sfumate per volontà di qualche potente che su quell’area avrebbe nutrito forti interessi.
Va ricordato che a Villaricca e Mugnano, in quattro anni, completarono tutto l’iter  e Città Metropolitana ha realizzato rispettivamente, due istituti superiori già funzionanti da un bel po’.


Commenti

Post popolari in questo blog

Coronavirus: ipotesi di trattamento con immunoglobuline, alternativa al vaccino

“Ma chi di noi si sottoporrebbe ad un vaccino che potrebbe rivelarsi un cavallo di Troia, oltretutto di dubbia efficacia? L’immunologia, invece, presuppone una visione olistica della malattia e che, proprio nella sua complessità di sistema, potrebbe aprire più opportunità” Dal Dott. Pietro Gagliardi (abita a Marano ma è molto conosciuto nei Comuni del  comprensorio giuglianese e dell'agro aversano), otorinolaringoiatra, dirigente medico presso l’Ospedale San Giuseppe Moscati di Aversa, riceviamo e pubblichiamo

“C’è una crepa in ogni cosa. Ed è da lì che entra la luce.” Anthem (Leonard Cohen)Tema di conversazione attuale: «Hai udito di quel farmaco? In Australia funziona. E di quell’altro in Giappone? Meglio ancora. E i test in Francia? Straordinari».Cosi sopravviviamo nell’attesa compulsiva e angosciante per la pastiglia o l’iniezione che metterà ko il virus. Ma, tra le speranze di noi tutti e il prodotto finale, c’è di mezzo una lunga catena di sperimentazioni: l’AIFA (Agenzia Ital…