Passa ai contenuti principali

La città si prepara ad accogliere il corpo di Santa Giulia Salzano



Grande attesa per i festeggiamenti in onore di Santa Giulia Salzano, fondatrice delle Suore Catechiste del Sacro Cuore, presenti a Calvizzano, in via Ritiro, fin dal primo settembre 1922.

Il programma prevede una due giorni fitta di momenti solenni. Le celebrazioni avranno inizio sabato 26 febbraio: il sindaco, le autorità civili e religiose accoglieranno il corpo della Santa (canonizzata il 17 ottobre 2010) nella piazzetta antistante l’istituto delle Suore (parcheggio di via Ritiro) che la commissione toponomastica ha proposto di intitolare alla Santa, nata a Santa Maria Capua Vetere il 13 ottobre 1846 e deceduta a Casoria il 17 maggio 1929. Alle ore 16.30 si svolgerà la processione, poi la santa messa, officiata da Mons. Lucio Lemmo, Vescovo ausiliare di Napoli che, nell’occasione, impartirà anche la Santa Cresima. La giornata terminerà alle 21 con una veglia di preghiera.

Domenica 27 febbraio ci saranno ben cinque (7.30, 9.00, 10.00, 12.00, 17.00) celebrazioni eucaristiche. A conclusione dei festeggiamenti è prevista, alle ore 19.00, in piazza Umberto I°, il concerto della banda musicale civica dei vigili del fuoco.

“Per noi – afferma Cristofaro Agliata, assessore ai Servizi sociali, profondo conoscitore della storia locale e gran devoto di Santa Giulia Salzano – è un evento indimenticabile, anche perché una reliquia della Santa resterà custodita all’interno dell’ex orfanotrofio”.

Commenti

  1. 4-3=1manca solo lui21 febbraio, 2011 22:06

    Dovrebbe essere un onore per i Calvizzanesi credenti e non,ma in questo continuo clima di conflitto ci sarà l'ennesima polemica.
    Aspettate lunedì e vi farò vedere.
    Poverini,chiusi di mente e una volta si definivano vecchi Democristiani,oggi pensiero unico " Berlusconismo " che fà molto più male di Berlusconi stesso.
    Meno tre dittatori,manca solo lui.

    RispondiElimina
  2. Cara Santa Giulia Salzano,fa'che la tua presenza nella ns.comunita'possa portare quella PACE tra i ns.consiglieri comunali ,perche' non se ne puo' piu'di sentire solo pettegolezzi ,ingiurie ,denuncie ,diffamazioni ,gettare fango,tutte cose che x la gente che AMA questa Comunita'non riesce piu'ad avere fiducia in voi,siete in questo caso quelli che offendono l'inteligenza e la fiducia della gente perbene di CALVIZZANO,quindi ognuno si faccia un esame di coscienza deponendo le armi , cosi' solo potremmo pensare al bene futuro , affidandoci in questo MIRACOLO a lei Santa Giulia Salzano.

    Dai Calvizzanesi e non che vi dicono adesso BASTA ! BASTA! BASTA!

    RispondiElimina
  3. Santa Giulia Salzano con i due giorni a Calvizzano fai capire a questi presunti Politici che la carità la povertà quello di dare tutto al prossimo è il valore principale.
    Che non vi rimarrà niente se non avete fatto una vita giusta e onesta,un vero Cattolico non deve farsi lupo per mangiarsi le pecore è esattamente il contrario.
    La vedova Schifani diceva:
    Si io li perdono se si mettono in ginocchio,ma loro non cambiano,no non cambiano.

    RispondiElimina
  4. al commento nunero 1.pure in una festa religiosa nel nostro paese,devi parlare di berlusconi ed i politici calvizzanesi tutti.ma per caso ,volevi pure tu andare ad arcore e sei stato rifiutato.CHIEDIAMO INVECE ALLA SANTA DI PREGARE PER TUTTI I CALVIZZANESI.E NOI DI PREGARE LEI E TUTTI ISANTI P.S.

    RispondiElimina
  5. 5-3=2 Lui e Putin,dittatori del pensioro22 febbraio, 2011 15:40

    Se stiamo così rovinati e per il PENSIERO non la persona.
    Io aspiro alla santità come tutti i buonn Cattolici e non al bunga-bunga.

    RispondiElimina
  6. Pubblicizzate l'evento così importante anche su altri mezzi di informazione.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

L’assessore Trematerra e il consigliere comunale Carandente convolati a nozze nel Convento Santa Maria degli Angeli di Marano

Il matrimonio è stato celebrato da don Rosario Moxedano, parroco della SS Annunziata di Marano, e da Polydore Badibanga, padre guardiano del Convento Francescano
Ingresso in chiesa

L’Ave Maria

Il Buffet


Documentazione fotografica